23 Maggio 2022 Teatro Villa Pamphili a Roma – CENSIMENTO SCUOLE D’ARTE DEL LAZIO E LANCIO DEL MANIFESTO DELLE SCUOLE D’ARTE a cura del CO.R.S.A – Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio. In copertina Scuola Romana dei Fumetti ©CO.R.S.A. Courtesy Ufficio Stampa Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio. http://www.scuoledarte.org 

Scuola di Danza ©CO.R.S.A

In emergenza tutti uguali nella normalità non riconosciuti a livello istituzionale. Le Scuole d’Arte del Lazio dal Teatro al Fumetto non sono più come si può ancora pensare corsi o associazioni culturali ma realtà produttive e altamente professionali che completano carenze di programmi e leggi delle scuole pubbliche. Il CO.R.S.A il Coordinamento delle Scuole d’Arte nel Lazio con il Censimento e una assemblea permanente di confronto vuole legittimare il ruolo di istruzione e formazione di pubblico interesse delle 118 Scuole d’Arte della Regione Lazio. “Innanzitutto posso dire che il primo problema è proprio l’arte, cominciare ad occuparsene. E dare la possibilità di avere una buona formazione per farsi una strada nel mondo dell’arte è importante. Avere una formazione sull’arte, in fondo, vuol dire avere una formazione sulla vita. Il riconoscimento significa, da un lato garantire che le Scuole abbiano una loro credibilità per i giovani che vogliono frequentarle, ma dall’altro che venga finalmente riconosciuto l’impegno formativo che queste scuole operano da tanti anni. Va riconosciuto che le scuole d’arte rappresentano anche una forma importante di indipendenza, di trasmissione di una conoscenza che è molto libera, con una capacità di confronto non solo istituzionale…– Mimmo Calopresti, Regista – (m.g.)

23 Maggio 2022 Teatro Villa Pamphili a Roma – CENSIMENTO SCUOLE D’ARTE DEL LAZIO E LANCIO DEL MANIFESTO DELLE SCUOLE D’ARTE a cura del CO.R.S.A – Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio. Courtesy Ufficio Stampa Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio. http://www.scuoledarte.org 

Scuola di Cinema ©CO.R.S.A

CENSIMENTO SCUOLE D’ARTE DEL LAZIO

E LANCIO DEL MANIFESTO DELLE SCUOLE D’ARTE

a cura del CO.R.S.A – Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio 

CO.R.S.A – Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio  ha presentato ufficialmente i risultati del Censimento delle Scuole d’Arte del Lazio in un evento pubblico svolto presso il Teatro di Villa Pamphili a Roma. All’incontro ha partecipato Marta Leonori, consigliera regionale  per della Commissione Sviluppo economico e attività produttive, nonché i rappresentanti e professionisti delle scuole d’arte censite e non solo. L’iniziativa pubblica del Censimento, promossa dal CO.R.S.A., è nata per monitorare lo stato di salute e i numeri delle scuole di musica, teatro, danza, cinema, fumetto, fotografia, animazione, costume e altre arti della nostra regione, con l’obiettivo di evidenziare e mettere a fuoco le caratteristiche peculiari del settore della formazione artistica. Quanti sono i professionisti che lavorano nella formazione artistica? Quanti sono gli studenti? Quali le discipline artistiche più diffuse? E infine come è cambiato il panorama dopo la pandemia? Diciamo subito che le Scuole d’Arte costituiscono un settore che coinvolge centinaia di organizzazioni, migliaia di professionisti, artisti e decine e decine di migliaia di persone che vogliono apprendere una disciplina artistica di tutte le età: bambini, giovani e adulti.Offrono inoltre una formazione altamente specializzata in settori spesso non presenti nell’istruzione pubblica, diffondono quello che è escluso dai circuiti commerciali e di massa, costituiscono un elemento di forte legame con il territorio, coinvolgendo i giovani e le famiglie. 

“Le scuole d’arte costituiscono il territorio privilegiato in cui si incontrano: formazione, creazione di eventi culturali e produzione professionale in ambito artistico” sottolinea il Presidente del CO.R.S.A., Stefano Ribeca. 

Si tratta dunque di un settore non solo formativo, ma anche produttivo del Paese che però non ha ancora diritto ad uno status e ad una riconoscibilità. I risultati di questo censimento confermano che ci sono delle linee di continuità, identificabili in esigenze ed obiettivi, che accomunano tantissime realtà che fanno formazione e attività culturale. Durante l’evento verrà inoltre lanciato il Manifesto delle Scuole d’arte, un documento pubblico che chiama all’appello non solo i rappresentanti delle scuole, ma anche tutti i professionisti e i protagonisti del mondo culturale per portare sostegno a quelle che sono le istanze del mondo della formazione artistica. 

Il coordinamento delle Scuole d’Arte della regione Lazio è nato spontaneamente durante il lockdown del marzo 2020 e si è costituito legalmente lo scorso anno con lo scopo di dare voce e riconoscimento istituzionale alle scuole di Musica, Teatro, Cinema, Danza, Fumetto, Animazione, Fotografia etc. della Regione Lazio. Infatti, le nostre Scuole, che svolgono una funzione sussidiaria come previsto dalla Costituzione e hanno un fondamentale ruolo educativo, sociale, culturale ed economico sul territorio, per le istituzioni pubbliche, non esistono. Nessuna normativa regola le nostre attività in modo specifico, né vengono presi provvedimenti ed iniziative ad hoc per il nostro settore. Eppure tutti hanno frequentato o hanno mandato i propri figli o nipoti in una scuola di musica, danza, teatro, fumetto etc., sia con scopi ludici, sia per una formazione professionale. 

SCUOLE ADERENTI AL PROGETTO:

SCUOLA POPOLARE DI MUSICA DONNA OLIMPIA

SCUOLA ROMANA DEI FUMETTI

SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

RAINBOW ACADEMY

MAC MOLINARI ART CENTER

(scuole fondatrici)

Accademia del Cinema Renoir

AMI Accademia Musicale Interamnense

 Accademia Teatrale di Roma Sofia Amendolea

Artithesi – scuola di creatività digitale

Bb Music

Cassiopea – Accademia d’Arte Drammatica

Centro Sperimentale di Fotografia Adams

 Centro Universitario Teatrale Cassino APS

 CONTROCHIAVE – Scuola di Musica

Door Educational

DOREMI Scuola di Musica e Benessere

 IL TEATRO DELLA SCUOLA

IDEA Academy 

Il Melograno 

INSIEME PER FARE

ISFCI -ISTITUTO SUPERIORE DI FOTOGRAFIA E COMUNICAZIONE INTEGRATA

Kirby Academy – Accademia del Fumetto di Cassino e del Lazio Meridionale

LA FABBRICA DEI SUONI

LA COMETA – Academia di Teatro

Libera Università del Cinema di Roma

MondoMusica

MTDA – (Acsd Musical Academy)

Musica Nova 

Officine Fotografiche

Project xx1

S.A.S. Cinema

 SCACCO AL RE DIESIS

Scuola Popolare di Musica di Testaccio

SCUOLA POPOLARE DI MUSICA DI VILLA GORDIANI 

Teatro dell’Applauso ASP

Tide Associazione Culturale

VIGAMUS Academy

WSP Photography 

Il Manifesto che esprime le  istanze e rivendicazioni ,è stato firmato da moltissimi artisti e docenti: MARCO BELLOCCHIO – Regista, MIMMO CALOPRESTI – Regista, MASSIMILIANO BRUNO – Sceneggiatore, commediografo, attore e regista, CLAUDIO “GREG” GREGORI – Attore, VALERIO LUNDINI –  comico, conduttore e autore televisivo, MAX PAIELLA  – Comico, cantante, imitatore, vignettista, AMBROGIO SPARAGNA  – Musicista,TOMMASO ZANELLO – in arte PIOTTA – Musicista, TOMMASO AIELLO – Disegnatore, GABRIELLA AIELLO SCLAFANI – Musicista, SERGIO ALBERINI – Direttore di montaggio e colorist, CECILIA AMICI – Musicista, MARC ANNESI – In arte FISH – Musicista, PAOLA ANSELMI – Musicista,BARBARA ANDREOLI – Disegnatrice, FRANCESCO ARTIBANI – Sceneggiatore Disney, DARIO  BALLEGGI – Musicista, MARIA GRAZIA BELLIA – Musicista, RAFFAELE BRUNETTI – Produttore e Regista documentari, CLAUDIO BRUNI – Regista animazione RAI, EMANUELE BRUNO – Musicista, CHIARA CAPOBIANCO – Musicista, ENRICO CAPUANO – Musicista, FABRIZIO CARDOSA, Musicista, ERMA PIA CASTRIOTA – in arte H.E.R. – Musicista, GIANCARLO CARACUZZO, Disegnatore, ELENA CASAGRANDE ,Disegnatrice Marvel, STEFANO CASELLI – Disegnatore Marvel, MASSIMO CAUSO – Critico cinematografico e programmatore Festival, MASSIMO CEROFOLINI – Giornalista e autore televisivo, MARCO CIANCHI – Musicista, FEDERICO CHIACCHIARI – Giornalista e critico cinematografico, RICCARDO COLOSIMO – Disegnatore, MARCO CONTI – Musicista, CRISTIANO CUCINA  – Disegnatore Bonelli, LUCA D’AVERSA – Musicista, FABIO RENATO D’ETTORRE – Musicista, ALESSANDRO DE ANGELIS – Musicista, EMANUELA DE BELLIS  – Musicista , BRUNELLA DE COLA – Scenografa, MAURO DE LUCA – Disegnatore Dylan Dog , DEVOR DE PASCALIS – Sceneggiatore cinema, CAMILLA DI LORENZO – Musicista, MAURIZIO DI VINCENZO – Disegnatore Bonelli, SUSAN EL SAWI – Organizzatore presso Shortlab Laboratorio Arti Sceniche, SIMONE EMILIANI – Giornalista e critico cinematografico, DENISE FABBRONI – Grafica, FRANCO FERRINI – Sceneggiatore cinematografico, WALTER  FISCHETTI, Musicista, SILVIA FLORIANO – Musicista, TIZIANA FORLETTA – Aiuto Regia cinema e tv, VERONICA FRIZZO – Disegnatrice, SIMONE GABRIELLI – Disegnatore Glenat, ILARIA GALGANI – Musicista, FEDERICA GALLETTI – Musicista, MARCO VALERIO GALLO – Storyboard artist, FRANCESCO SAVERIO GALTIERI – Musicista, FRANCESCO GASTON  – Disegnatore, CLARA GRAZIANO – Musicista, LORENZO HENDEL – Regista televisivo e documentarista, DANIELE IACONO  – Musicista, SIMONE ISOLA – Produttore e Regista cinematografico, SANDRO IVESSICH HOST – Suono Presa Diretta cinema e tv, CLAUDIA L’EPISCOPO  – Musicista, LORENZO LA NEVE  – Sceneggiatore Lupo Alberto, CARLO LABIENI  – Storyboard artist, LUCA LARDIERI – Distributore cinematografico, MASSIMO LATINI – Filmmaker e Documentarista, CLAUDIO LODI  – Guru Adobe, PAOLO MADDALENI – Colorista, RICCARDO MARINI  – Musicista, PIETRO MASCIULLO – Docente universitario e critico cinematografico, FRANCESCO MASTROFINI – Line Producer, MARZIA MENCARELLI   – Musicista,MIRKO MILONE  – Disegnatore, GIOVANNA NIRO  – Colorista, PIERVINCENZO NARDESE – Data Manager e D.I.T. cinema e tv, HUGO NIRO  – Musicista, CIRO PADUANO – Musicista, GIANNANDREA PECORELLI – Produttore cinema e tv, PAOLO PECORELLI  – Musicista, ALESSANDRO PESCI – Direttore della Fotografia,SILVIA PIROZZI  – Disegnatrice, MAURIZIO PIZZARDI   – Musicista, GIULIO POREGA  – Musicista, FERNANDO PROIETTI  – Disegnatore Bonelli, MONICA RAMETTA – Sceneggiatrice cinema e tv, ARIANNA REA  – Disegnatrice Disney, STEFANO RIBECA  – Musicista, FRANCESCO REVIECCIO   – Disegnatore, MASSIMO ROTUNDO  – Disegnatore Bonelli, MICHELE RUBINI  – Disegnatore Bonelli, ALESSANDRO RUGGIERI  – Sceneggiatore, SONIA RUSSINO – Musicista, ALDO RUSSO – Doppiatore cinema e tv, SUSANNA SALLEMI  – Musicista, STEFANO SANTARELLI, Sceneggiatore, GIORDANO SAVIOTTI  – Storyboard artist, ROBERTO SILVESTRI – Critico cinematografico, STEFANO SIMEONE  – Autore Bao Publishing, ALESSIO SCHREINER  – Sceneggiatore “Un posto al sole”, SERGIO SOZZO – Giornalista e critico cinematografico, ALDO SPINIELLO – Critico cinematorafico, GIORGIO TEBALDI  – Musicista, FABIANA TESTA  – Musicista, CLAUDIO TOLDONATO – Musicista, ERASMO TREGLIA – Musicista, TONI TRUPIA – Regista e sceneggiatore cinema e tv, FLORIANA VALENTE, YOSHIKO WATANABE – Autrice manga, FRANCESCO ZIPPEL – Regista e critico cinematografico


Dichiarazioni sulle Scuole d’Arte di Mimmo Calopresti

Innanzitutto posso dire che il primo problema è proprio l’arte, cominciare ad occuparsene. E dare la possibilità di avere una buona formazione per farsi una strada nel mondo dell’arte è importante. Avere una formazione sull’arte, in fondo, vuol dire avere una formazione sulla vita. Il riconoscimento significa, da un lato garantire che le Scuole abbiano una loro credibilità per i giovani che vogliono frequentarle, ma dall’altro che venga finalmente riconosciuto l’impegno formativo che queste scuole operano da tanti anni. Va riconosciuto che le scuole d’arte rappresentano anche una forma importante di indipendenza, di trasmissione di una conoscenza che è molto libera, con una capacità di confronto non solo istituzionale. Le Scuole d’Arte, in genere, sono molto attente al fatto che si “pratichi l’arte” e creano collegamenti per cui i giovani possano fare esperienze sul campo. Insomma, io ritengo che sia giusto che si esca da questa sorta di “infantilismo” e si riconosca che queste Scuole sono esperienze ormai già adulte, che hanno ottenuto dei risultati, perché molti dei ragazzi che le hanno frequentate sono poi diventati dei professionisti nei rispettivi settori. Forse questa idea di essere riconosciuti come “adulti” e aver fatto un grande lavoro in questi anni, secondo me è l’aspetto più importante!


Il CENSIMENTO SCUOLE D’ARTE DEL LAZIO

A cura del CO.R.S.A (Coordinamento Scuole d’Arte del Lazio)

Il CO.R.S.A. ha promosso un’iniziativa pubblica per monitorare lo stato di salute e i numeri delle scuole di musica, teatro, danza, cinema, fumetto, fotografia, animazione, costume e altre arti della nostra regione, con l’obiettivo di evidenziare e mettere a fuoco le caratteristiche peculiari del settore della formazione artistica.

Premessa

Questo censimento nasce dalla volontà di far emergere le realtà delle Scuole d’Arte che costituiscono un settore che vede coinvolte a livello nazionale migliaia di organizzazioni, decine di migliaia di addetti e di utenti. Le Scuole d’Arte offrono una formazione altamente specializzata in settori spesso non presenti nell’istruzione pubblica, diffondono quello che è escluso dai circuiti commerciali e di massa, costituiscono un elemento di forte legame con il territorio, coinvolgendo i giovani e le famiglie. Si tratta di un settore non solo formativo ma anche produttivo del Paese che però non ha ancora diritto ad uno status e ad una riconoscibilità. I risultati di questo censimento ci confermano che gli obiettivi del CO.R.S.A. (riconoscimento delle Scuole d’Arte da parte delle Istituzioni, in primis), sono quelli di tantissime realtà che fanno formazione e attività culturale.

Metodologia

Il censimento parte è stato promosso attraverso un questionario che è stato diffuso su siti Internet, canali social, e una campagna di sponsorizzazione che ha raggiunto oltre 134mila utenti, concentrati esclusivamente nella Regione Lazio. Obiettivo del censimento era iniziare a fotografare la realtà delle Scuole d’Arte, fornendo numeri su quante sono, dove operano, quanti ci lavorano, quanti ci studiano, che attività si svolgono, ecc…

Risultati

Quante sono le Scuole censite

Innanzitutto i numeri: nel Lazio abbiamo censito 118 Scuole, presenti per il 60% in Roma città e per il 40% in Roma Provincia e le altre province del Lazio. Già questo dato fornisce una mappatura significativa, di un fenomeno certamente importante nella Capitale (ben 71 scuole) ma presente un po’ in tutta la Regione.

Che forma giuridica hanno

La Forma Giuridica prevalente è quella di Associazioni Culturali (75%) con un 25% di realtà che sono costituite in Srl, cooperative, o altre forme giuridiche, a riprova che questo settore non si contraddistingue per un’unica forma organizzativa, ma si caratterizza per ciò che propone e la qualità della formazione erogata. Oltre il 96% delle Scuole ha la Formazione come parte principale del proprio Statuto.

Età e sede delle Scuole

Da quanto esistono le Scuole d’Arte? Ebbene hanno una lunga storia considerando che la più vecchia è nata nel 1973, ben 49 anni fa, l’ultima invece è nata nel 2021, mentre l’età media è di poco meno di 17 anni, segno di una presenza ormai storica e consolidata nel territorio e nella cultura della nostra Regione.

Gran parte delle Scuole d’Arte utilizza una sede esclusiva per la propria attività (oltre l’86%) mentre poco meno del 14% utilizza sedi condivise. 

Quali arti 

Sono diverse le Arti rappresentate dalle Scuole presenti nel Lazio, con una prevalenza per le Scuole di Musica (42%), seguita da Teatro (quasi il 36%), Danza (quasi il 17%), Fotografia (quasi il 12%), Cinema (quasi il 9%), Pittura (8%), Fumetto (6%), Animazione e Videogames (1,69%), e con un significativo 26% di “altre arti” (Costume, Scultura, Poesia drammatica, Scrittura creativa, Illustrazione, Disegno, Grafica, Ceramica e mosaico, Canto, Musical, ecc…).

Corsi, studenti, docenti e lavoratori delle Scuole

Ma veniamo ai numeri della proposta formativa, partendo dai corsi proposti: a fronte di un piccolo gruppo di “grandi aziende”, ovvero il 5% che eroga oltre 50 corsi l’anno, la maggior parte delle Scuole offre tra i 5 e 10 corsi (il 45%), tra 1 e 4 corsi (il 28%), tra 11 e 20 corsi (quasi il 15%) e tra 21 e 50 corsi (il 7%). Si tratta pertanto di piccole e medie realtà, con ampia capacità di concentrarsi su attività mirate e utenti attenzionati. Complessivamente le Scuole d’Arte censite effettuano 1.675 corsi l’anno, un numero davvero significativo.

Questi 1.665 corsi sono frequentati da ben 15.259 studenti l’anno, condotti da 1.706 docenti con l’organizzazione di 627 tra dipendenti e collaboratori (per un totale di 2.333 persone che lavorano in queste Scuole). Circa il 35% delle Scuole ha più di 10 docenti, mentre il 57% ha più di 3 collaboratori.

Lavoro ed Eventi Culturali

Significativi sono i numeri che riguardano l’apertura al mondo del lavoro e agli eventi aperti al pubblico: oltre il 90% delle Scuole ha un rapporto diretto con le realtà produttive che costituiscono il passaggio naturale dalla Formazione al lavoro. Ma è addirittura il 100% delle Scuole che organizza tutti gli anni eventi culturali aperti al pubblico (sono centinaia di spettacoli, concerti, rassegne cinematografiche, masterclass, rappresentazioni teatrali, feste di piazza, mostre, ecc…) segno che le Scuole d’Arte costituiscono un elemento fondamentale della Cultura della nostra Regione.

Pandemia

Quanto ha inciso la pandemia di questi ultimi due anni sulle attività delle Scuole? Qui i numeri sono discordanti, se oltre il 58% delle Scuole osserva un calo il numero degli studenti c’è un 18% che vede inalterati i numeri degli iscritti e addirittura un 24% che vede persino aumentate le iscrizioni. Ancora differente il numero dei docenti impegnati, anche qui abbiamo quasi un 45% rimasto stabile, un 36% diminuito e un 18% aumentato.

Le proposte per le Istituzioni

Delle 10 proposte alle Istituzioni che abbiamo inserito nel questionario sono le Borse di Studio Regionali quelle hanno ottenuto il maggiore consenso, con oltre il 66% dei voti, ma hanno ricevuto una forte attenzione anche la collaborazione con il Sistema Scolastico Pubblico (61%), gli Incentivi a fondo perduto per le Scuole d’Arte (59%), l’Albo delle Scuole d’Arte (53%), Bonus studenti e bonus cultura per le Scuole d’Arte ( oltre il 53%).

Conclusioni

Consideriamo questo censimento (che resterà in progress ancora per alcuni mesi) un primo, significativo, strumento di “quantificazione” della presenza delle Scuole d’Arte nella nostra Regione. I numeri raccolti, seppur sicuramente parziali, costituiscono una mappatura notevole del settore che coinvolge decine di migliaia di persone e famiglie. La quantità (per non parlare della qualità) di corsi, proposte formative ed eventi culturali che questo settore propone non può più essere ignorata dalle Istituzioni che, semmai, devono considerare queste realtà delle “altre istituzioni”, radicate nel territorio, alternative e complementari alle offerte pubbliche, e che, di fatto, costituiscono un movimento culturale e sociale che va sostenuto e preservato.

Il dettaglio dei dati raccolti e la mappa interattiva delle Scuole sono disponibili nel pdf allegato e sul sito http://www.scuoledarte.org.


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00