IL RUGBY – CHALLENGE CUP 2021-22 – 4° ROUND 21/22 Gennaio. L’azzurro Nacho Brex tra i convocati nell’imminente 6 Nazioni. Lione-Benetton come anticipo di Francia-Italia nel Six Nations del 6 Febbraio. Alessandro Fusco tra i convocati delle prime due gare del 6 Nazioni. Nel XV titolare delle Zebre nella prima da capo allenatore di Emiliano Bergameschi con il Worcester. Photo Courtesy Ufficio Stampa Benetton Rugby, Zebre Rugby Club. https://www.epcrugby.com/challenge-cup

Il momento giusto per stabilire i veri obiettivi di questa stagione. Il Benetton di Bortolami dopo la vittoria convincente con i Dragons ha nella trasferta di Lione la prima “finale” con in palio la qualificazione nella Challenge Cup. “Siamo consapevoli dell’importanza e della difficoltà della partita, però dall’altro lato vogliamo portare la migliore versione di noi stessi in campo“. Dopo settimane complesse per un addio a coach Bradley non semplice le Zebre con l’annuncio del nuovo capo allenatore Emiliano Bergamaschi ritornano a giocare per la prima volta nel 2022 con gli inglesi del Worcester per inseguire la prima vittoria ed alimentare speranze di qualificazione. “Ricoprire l’incarico di capo allenatore delle Zebre è una grandissima sfida, mi sento molto onorato. Adesso abbiamo l’opportunità di diventare più forti, di crescere e di migliorare a tutti i livelli, come squadra, come giocatori e come club.” Tra qualche ora Lyon-Benetton, domani a Parma, Zebre-Worcester Warriors. (m.g.)

IL RUGBY – CHALLENGE CUP 2021-22 – 4° ROUND 21/22 Gennaio. Marco Bortolami head coach Benetton Rugby, Emiliano Bergamaschi head coach Zebre Rugby Club. Photo Courtesy Ufficio Stampa Benetton Rugby, Zebre Rugby Club. https://www.epcrugby.com/challenge-cup


COMUNICATI STAMPA UFFICIO STAMPA BENETTON RUGBY / ZEBRE RUGBY CLUB


I LEONI TENGONO TESTA A LIONE MA IL FINALE DICE 25-10

Marcature: 14′ meta Kaabéche tr. Berdeu, 18′ meta Brex p. Marin, 25′ p. Berdeu, 30′ meta Dumortier, 38′ p. Marin; 73′ p. Sopoaga, 75′ meta Mignot tr. Doussain.

Note: 73′ cartellino giallo a Gianmarco Lucchesi (BEN). Trasformazioni: Lyon Rugby 2/3 (Berdeu 1/2, Sopoaga 1/1); Benetton Rugby 1/1 (Marin 1/1). Punizioni: Lyon Rugby 2/3 (Berdeu 1/1, Sopoaga 1/2); Benetton Rugby: 1/1 (Marin 1/1). Man of the match: Doussain (LYO).

Lyon Rugby:

15 Clement Laporte (68′ Toby Arnold), 14 Xavier Mignot, 13 Thibaut Regard, 12 Charlie Ngatai, 11 Éthan Dumortier, 10 Léo Berdeu (62′ Lima Sopoaga), 9 Jean-Marc Doussain (61′ Jonathan Pélissié), 8 Jordan Taufua (c), 7 Patrick Sobela (68′ Colby Fainga’a), 6 Dylan Cretin, 5 Temo Mayanavanua, 4 Mickael Guillard (70′ Ugo Vignolles), 3 Hamza Kaabèche (52′ Francisco Gomez Kodela), 2 Yanis Charcosset (52′ Joe Taufete’e), 1 Vivien Devisme (52′ Jerome Rey).

Head Coach: Pierre Mignoni.

Benetton Rugby:

15 Edoardo Padovani, 14 Tommaso Benvenuti (46′ Tomas Albornoz), 13 Nacho Brex, 12 Luca Morisi (51′ Marco Zanon), 11 Monty Ioane (58′ Tommaso Benvenuti), 10 Leonardo Marin, 9 Callum Braley (56′ Alessandro Garbisi), 8 Braam Steyn (46′ Toa Halafihi), 7 Manuel Zuliani, 6 Sebastian Negri (c), 5 Federico Ruzza (61′ Marco Lazzaroni), 4 Niccolò Cannone, 3 Tiziano Pasquali (46′ Nahuel Tetaz), 2 Giacomo Nicotera (51′ Gianmarco Lucchesi), 1 Cherif Traoré (51′ Federico Zani).

Head Coach: Marco Bortolami.

Juan Ignacion BREX of Benetton Treviso during the EPCR Challenge Cup match between Lyon OU and Benetton Treviso at MATMUT Stadium on January 21, 2022 in Lyon, France. (Photo by Franco Arland/Icon Sport via Getty Images)

I Leoni sono impegnati nell’ostica trasferta di Lione, valida per il quarto round della Challenge Cup, la terza gara dei biancoverdi nel Pool B. La gara esterna in terra transalpina vede affrontarsi un Benetton che in due turni ha raccolto un successo e una sconfitta, contro un Lione che in tre match ha raccolto tre vittorie.

Allo Stade de Gerland, nel primo tempo la squadra di coach Bortolami gioca una gara accorta e decisa, segnando una meta con Brex, ma subendo due marcature di Lione, di cui la seconda è anche frutto di un rimbalzo dell’ovale fortunoso per i transalpini. Ad ogni modo è un primo tempo equilibrato e allo spogliatoio si va sul punteggio di 15-10 per i francesi.
Nella ripresa la sfida non decolla, ma i Leoni tengono testa alla fisicità dei francesi. Fino a dieci minuti dal termine la gara è in perenne equilibrio, ma Lione nel giro di un paio di minuti allunga definitivamente con la meta di Mignot, sfruttando la superiorità numerica per il giallo a Lucchesi. Alla fine è 25-10 per i transalpini che chiudono al primo posto il girone. Il Benetton si giocherà la qualificazione ad aprile nell’ultimo turno casalingo con Perpignan.

CRONACA PARTITA

Pronti, via e i Leoni sono bravi a tenere un ripetuto attacco francese, con un break di Padovani che permette ai biancoverdi di risalire campo. Il Benetton è tonico e con una grande azione manda Ioane sulla fascia sinistra, ma per una francesina di Berdeu non riesce a schiacciare in meta. I transalpini poi si riversano nella metà campo trevigiana e Kaabéche riesce a trovare lo spiraglio giusto per andare in meta. Berdeu trasforma e i padroni di casa sono avanti 7-0. Ma Negri e compagni sono ben dentro la partita e hanno una mischia nei 22 francesi. I Leoni sono sul piede avanzante e Nacho Brex di prepotenza va a marcare. Marin converte dalla piazzola. Gli uomini di Mignon prediligono il gioco aereo e sfruttano i rimbalzi particolari dovuti al vento e al campo sintetico. Poi per un’infrazione in ruck, Lione ha una punizione da buona posizione e Berdeu centra i pali per il nuovo vantaggio . I transalpini sono ancora in avanti, approfittano di una carambola favorevole dopo un calcetto di Doussain e Dumortier si invola per la seconda meta di Lione; stavolta Berdeu non mira i pali. Il Benetton Rugby però reagisce bene e guadagna un’altra punizione. Leonardo Marin è preciso e i Leoni tornano sotto il break. Così il primo tempo finisce con gli uomini di Mignoni sopra 15-10.

Inizia la ripresa senza cambi. Poi Bortolami decide di inserire Tetaz, Halafihi e Albornoz per Pasquali, Steyn e Benvenuti. I francesi entrano nei cinque metri trevigiani, ma il Benetton tiene con le unghie e risale la china. E’ inoltre il momento di Zani, Lucchesi e Zanon per Traore, Nicotera e Morisi. Il Benetton con un break di Albornoz e Halafihi vanno ad un passo dalla meta. Dopo altro cambio per i biancoverdi con Garbisi al posto di Braley. Iniziano a verificarsi diversi errori di manualità da ambo le parti. Ma Lione ha una punizione dai 25 metri, ma Sopoaga non mira i pali. Ultimo cambio per Bortolami, con Lazzaroni per Ruzza. Il pack del Benetton Rugby resiste, ma la partita non decolla quando mancano pochi minuti. Poi l’arbitro inglese Tempes ammonisce Lucchesi per ripetute scorrettezze degli ospiti. Sopoaga converte la punizione. Con l’uomo in meno i francesi ne approfittano e vanno in meta con Mignot. Sopoaga trasforma e Lione è avanti di oltre due break. Allora i francesi vincono 25-10.


IL XV DEI LEONI PER LA TRASFERTA DI CHALLENGE CUP A LIONE

Domani, venerdì 21 gennaio alle ore 21.00 italiane, i Leoni disputeranno il terzo match della propria Challenge Cup.

Si giocherà al Matmut Stadium de Gerland, con il Benetton Rugby che in terra francese vuole cercare la vittoria esterna nella prima trasferta del 2022. I biancoverdi fanno parte della Pool B con Gloucester, Lione, Perpignan e Dragons. Nelle prime due sfide della campagna europea in Challenge Cup i Leoni hanno perso a Gloucester e vinto una settimana fa in casa contro i Dragons. Dall’altra parte i francesi nelle tre sfide giocate con Gloucester, Dragons e Perpignan hanno sempre gioito.

I Leoni, con 4 gettoni raccolti ad oggi sono terzi nel girone a pari merito con Perpignan, e domani si scontreranno con Lione che ha messo via 13 punti dopo tre turni giocati ed è primo e già sicuro del passaggio alla fase successiva.

PRECEDENTI:

Sono 2 i precedenti tra la franchigia trevigiana e la formazione francese, risalenti alla competizione della Heineken Champions Cup annata 2019/2020. 1 vittoria per i Leoni a Monigo e 1 per Lyon in terra francese.

LA DIREZIONE ARBITRALE:

La supersfida di venerdì sarà diretta dal fischietto inglese Ian Tempest, dai suoi assistenti connazionali Alex Thomas e Rob Warburton. Al TMO l’inglese Anthony Wooodthorpe.

LA FORMAZIONE DEI LEONI:

Lo staff tecnico dei Leoni diretto da Marco Bortolami ha progettato il XV di domani tenendo conto di alcune indisponibilità per infortunio, ma anche di altri rientri di giocatori che a inizio gennaio sono stati colpiti dal Covid. Allora la formazione che scenderà in campo domani contiene un triangolo allargato costituito da Edoardo Padovani come estremo, mentre le ali saranno a sinistra Monty Ioane e a destra Tommaso Benvenuti. Al centro Luca Morisi e Nacho Brex. La mediana è gestita all’apertura da Leonardo Marin e a fare da mediano di mischia c’è Callum Braley.

Il pacchetto biancoverde è composto in prima linea dai piloni Cherif Traoré e Tiziano Pasquali, a tallonare Giacomo Nicotera. In seconda linea la coppia italiana formata da Niccolò Cannone e Federico Ruzza. La mischia si chiude con la terza linea formata dai flanker Sebastian Negri, domani capitano del XV, e Manuel Zuliani. Numero 8 sarà Braam Steyn.

Benetton Rugby:

15 Edoardo Padovani (17)
14 Tommaso Benvenuti (122)
13 Ignacio Brex (50)
12 Luca Morisi (90)
11 Monty Ioane (75)
10 Leonardo Marin (8)
9 Callum Braley (20)
8 Braam Steyn (92)
7 Manuel Zuliani (23)
6 Sebastian Negri (c) (55)
5 Federico Ruzza (81)
4 Niccolò Cannone (36)
3 Tiziano Pasquali (93)
2 Giacomo Nicotera (5)
1 Cherif Traoré (77)

A disposizione: 16 Gianmarco Lucchesi (22), 17 Federico Zani (58), 18 Nahuel Tetaz (4), 19 Marco Lazzaroni (114), 20 Toa Halafihi (42), 21 Alessandro Garbisi (4), 22 Tomas Albornoz (3), 23 Marco Zanon (45).

()= presenze in biancoverde

Head Coach: Marco Bortolami.

Indisponibili: Andries Coetzee, Giacomo Da Re, Hame Faiva, Riccardo Favretto, Simone Ferrari, Thomas Gallo, Tommaso Menoncello, Ivan Nemer, Luca Petrozzi, Giovanni Pettinelli, Luca Sperandio, Ratuva Tavuyara.

Arbitro: Ian Tempest (ENG)

Assistenti: Alex Thomas e Rob Warburton (ENG)

TMO: Anthony Wooodthorpe (ENG)

LIVE – La partita potrà essere seguita testualmente sulla pagina Twitter ufficiale di Benetton Rugby con l’hashtag #LYOvBEN. Il match sarà inoltre trasmesso in diretta su Sky Sport Arena (canale 204).

Per non perderti nessuna notizia in arrivo dal pianeta biancoverde, iscriviti al canale Telegram del Benetton Rugby!


MARCO BORTOLAMI: “A LIONE DOVREMO SFRUTTARE LE NOSTRE QUALITA'”

Il Benetton Rugby ieri ha ripreso il lavoro settimanale in Ghirada per preparare la gara di venerdì sera in Francia contro il Lione. I biancoverdi sabato scorso hanno vinto tra le mura amiche contro i Dragons nel proprio secondo turno di Challenge Cup nella Pool B. Venerdì la partita a Lione e a presentare la sfida ai microfoni di BENTV è l’head coach dei biancoverdi Marco Bortolami.

Marco, quanto è stata importante la vittoria contro i Dragons?
«La vittoria contro i Dragons è stata molto importante, perché venivamo da due settimane senza rugby giocato, ma anche allenato, perché siamo stati costretti ad allenarci a distanza, quindi sapevamo che la partita sarebbe stata complicata e ci sarebbero state delle imprecisioni. La cosa più importante è stata la risposta della squadra, eravamo partiti un po’ arrugginiti, però è venuta fuori alla distanza dal punto di vista fisico e anche tecnico. Per cui è stato un ottimo segnale e sono stato soddisfatto della partita».

Che tipo di gara ti aspetti venerdì sera contro Lione?
«Una partita durissima, abbiamo giocato a Lione nelle stagioni precedenti e sono una squadra molto in forma nel campionato francese. Fanno della fisicità e dell’imprevedibilità le loro qualità migliori, come molte squadre francesi. Per cui sarà un test durissimo, però lo stiamo preparando nel migliore dei modi e abbiamo alcuni giocatori che rientreranno. Andremo in campo per fare la nostra partita, consapevoli che ci sono aspetti come la fisicità e l’ordine in difesa che saranno determinanti nel risultato finale. Siamo consapevoli dell’importanza e della difficoltà della partita, però dall’altro lato vogliamo portare la migliore versione di noi stessi in campo».

Quali aspetti di gioco potrebbero rivelarsi decisivi in terra francese?
«La freschezza atletica o il livello di fitness che abbiamo, e che io considero maggiore di loro. Perciò giocheremo cercando di metterli in difficoltà da questo punto di vista. Cercheremo di far lavorare molto i loro avanti, e poi la consistenza nella fasi statiche, cioè la mischia chiusa, rimesse laterali e drive saranno fondamentali per tenere testa alla loro fisicità organizzata. Poi Lione fa dell’uno contro uno e della capacità di fare offload una delle loro armi migliori, per cui in difesa avremo bisogno di tanti numeri sulla linea per bloccarli, ma anche per fermare gli offload e raddoppieremo i placcaggi, mantenendo intatta la linea di difesa sulle fasi successive. Siamo consapevoli di dove si giocherà la partita e di quello che potrà funzionare a nostro favore o a loro favore. Noi dovremo cercare di portarlo in campo».

Ci sono alcuni giocatori infortunati?
«Sì, Favretto è quello ai box a lungo termine. Ha avuto un problema al nervo della spalla e questo tipo di problemi comportano un rientro più lungo, la situazione è in evoluzione, ma in maniera lenta e vedremo se riuscirà a scendere in campo prima del termine della stagione. Per quanto riguarda Ferrari e Coetzee dovrebbero rientrare per le partite del mese prossimo contro gli Sharks e i Glasgow Warriors. Sono in una fase avanzata del recupero e dobbiamo assicurarci che quando rientreranno siano pronti anche atleticamente, stanno già lavorando molto duro. Poi Gallo rientrerà a disposizione la prossima settimana, mentre Pettinelli sarà disponibile per il raduno della nazionale. Infine Nemer ha avuto un piccolo risentimento muscolare nella gara contro i Dragons, ma immagino che in una decina di giorni possa tornare al 100%».


TOMMY BELL E YAREE FANTINI I DUE RINFORZI DEL BENETTON RUGBY

Il Benetton Rugby è felice di comunicare gli ingaggi di Tommy Bell e di Yaree Fantini sino termine dell’attuale stagione sportiva. I due giocatori sono i primi innesti dei Leoni nel periodo in arrivo, che vedrà la rosa di coach Marco Bortolami priva di diversi interpreti, impegnati a difendere la maglia dell’Italia (23 i Leoni selezionati, ndr) e dell’Italia Under 20 nei rispettivi Sei Nazioni

Tommy Bell, utility back di affidabile esperienza e di indiscusso talento, approdato in questi giorni a Treviso, si metterà subito a disposizione di coach Bortolami e del suo staff tecnico. Il curriculum di Bell parla per lui. Alto 185 cm per 86 kg, è nato l’11 novembre 1992 a Plymouth, in Inghilterra, Tommy è grado di ricoprire più ruoli nella linea dei trequarti.

La carriera di Bell inizia ai Sale Sharks nel 2010, prima di trasferirsi ai Wasps e rimanere alle Vespe per due anni. L’utility back ha avuto una breve parentesi ai Jersey Reds, per poi spostarsi nel 2014 in un club di rilievo della Premiership come i Leicester Tigers; al Welford Road ha raccolto 29 caps, due dei quali proprio contro il Benetton Rugby, e 130 punti. Nel 2016 una nuova avventura, sempre inglese, ai London Irish. Nella prima annata al Madejski Stadium ha segnato più di 250 punti, mostrando una notevole qualità al piede. È rimasto agli Irish sino al 2019, stabilizzandosi come uno dei migliori mediani d’apertura della Premiership. Dopo ha cambiato lidi, firmando per gli Ealing Trailfinders, club di Championship. L’anno scorso Bell ha fatto inizialmente parte del roster dei Bedford Blues, sempre in Championship, prima di mutare scenari e andare in Francia, militando con il Mont de Marsan in ProD2. Per Bell in generale quasi 50 caps in Premiership, oltre a diverse presenze in Heineken Champions Cup e in Challenge Cup. Da segnalare infine la partecipazione al Mondiale Under 20 e al Sei Nazioni della medesima categoria nel 2012. Bell porta in Ghirada una considerevole somma di esperienza ed abilità tecniche tra cui l’ottima visione di gioco ed un preciso kicking game.

Ora per Tommy Bell la nuova avventura in Italia, con la maglia del Benetton Rugby: “Quando ho saputo dell’interesse del Benetton, mi sono subito tornati alla mente i ricordi di quando ho giocato allo Stadio Monigo e della brillante atmosfera creata dai tifosi presenti. Il Benetton è ovviamente un club molto prestigioso e ricco di storia, la possibilità di trasferirmi in Italia e rappresentare questi colori è molto emozionante. Non vedo l’ora di potermi mettere a disposizione dello staff e dei compagni”

Forza fisica e tanta voglia di mettersi in mostra sono invece le due prerogative con cui Yaree Osron Fantini affronta la nuova esperienza in maglia Benetton Rugby. Inglese, di origini italiane, nato a Leicester il 25 novembre 1997, alto 183 cm per 106 kg, Fantini è un terza linea dall’ottimo atletismo e da un bagaglio tecnico in costante crescita. Cresciuto nella città natale, il primo a fare avvicinare Yaree al rugby è Mark Ellis, fratello di Harry ex giocatore dei Tigers. Il ragazzo di origini italiane, con la mamma che è di Rimini, è partito dal Lutterworth RFC, prima di essere accolto nel 2014, a 16 anni, dalla Academy dei Leicester Tigers come tallonatore. Nel 2017 il trasferimento alla Northumbria University, dove si laurea in psicologia prima di fare un master in business management, viene spostato centro. A seguire milita nel Bucs Super Rugby 1 e viene scelto dalla squadra a 7 dell’Inghilterra. Con il Seven inglese nel 2017/2018 partecipa all’European Grand Prix, ai World Series Warm Up e al Dubai 7’s, collezionando 16 caps e due mete. Nel 2019 inizia ad allenarsi da terza centro con i Newcastle Falcons e nel giugno dell’anno successivo arriva in Scozia per prendere parte alla competizione del Super6 Scottish Premiership, con la maglia degli Ayrshire Bulls. Dallo scorso novembre è approdato in Ghirada, allenandosi col resto dei Leoni.

“Questi mesi sono andati molto bene, i ragazzi sono stati fantastici e mi hanno aiutato ad ambientarmi rapidamente. Sono orgoglioso di avere la possibilità di rappresentare questo club. Nei prossimi mesi, con una grossa fetta della rosa che andrà via per il Sei Nazioni, cercherò di cogliere l’opportunità rendendo felice me e la società” ha detto Yaree Fantini sulla nuova esperienza

Così ha commentato il direttore generale dei Leoni Antonio Pavanello: “Sapevamo che con gli impegni delle Nazionali molti dei nostri giocatori sarebbero stati selezionati. Questo, se da una parte ci rende molto orgogliosi del lavoro che stiamo svolgendo in particolare modo con i giovani, dall’altro ci costringe a muoverci sul mercato. Oggi rinforziamo la rosa inserendo Bell e Fantini ed allo stesso modo nelle prossime settimane proveremo a concludere qualche accordo con club del TOP10, consapevoli che non sarà semplice dati i loro impegni. Sui singoli mi sento di dire che Tommy è un utility ben conosciuto da Gustard e Masi, i quali hanno facilitato il suo arrivo a Treviso mentre Yaree lo abbiamo visto allenarsi con noi in questi mesi ed ha sicuramente dimostrato del potenziale per darci una mano durante il Sei Nazioni”


QUATTRO METE PER LE ZEBRE CHE ESCONO SCONFITTE 26-36 AL LANFRANCHI CONTRO I WORCESTER WARRIORS

Parma (Italia) – 22 gennaio 2022
EPCR Challenge Cup 2021/22, Turno 4 Girone A

Zebre Rugby Club Vs Worcester Warriors 26-36 (p.t. 14-19)

Marcatori: 5’ Annett tr Searle (0-7), 17’ Annett (0-12), 32’ Cronjé tr O’Malley (7-12), 34’ Searle tr Searle (7-19), 38’ D’Onofrio tr O’Malley (14-19); s.t. 46’ Howe tr Searle (14-26), 58’ Hill tr Searle (14-33), 68’ Trulla (19-33), 71’ cp Searle (19-36), 79’ Lucchin tr Rizzi (26-36)

Zebre Rugby Club: Laloifi, D’Onofrio (47’ Trulla), Cronjé, Lucchin, Bellini (76’ D’Onofrio), O’Malley (59’ Rizzi), Violi (59’ Palazzani), Giammarioli, Andreani (43’ Bianchi), Mitchell, Krumov (57’ Zambonin), Sisi (Cap), Bello (68’ Zilocchi), Fabiani (68’ Ceciliani), Fischetti (68’ Rimpelli); All. Bergamaschi

Worcester Warriors: Doel (76’ Johnson), Howe, Morris, Beck (40’ Smith), Hearle, Searle, Chudley (50’ Simpson), Vailanu (68’ Hatherell), Lewis, Kvesic, Kitchener, Clegg (50’ Hill), McCallum (50’ Judge), Annett (Cap) (74’ Miller), Waller (62’ Owen); All. Thomas

Arbitro: Hollie Davidson (Scottish Rugby Union)
Assistenti: Graeme Ormiston (Scottish Rugby Union) e Ross Mabon (Scottish Rugby Union)
TMO: Sam Grove-White (Scottish Rugby Union)

Calciatori: Billy Searle (Worcester Warriors) 5/7; Timothy O’Malley (Zebre Rugby Club) 2/2; Antonio Rizzi (Zebre Rugby Club) 1/2
Cartellini:
Player of the match:
Billy Searle (Worcester Warriors)
Punti in classifica: Zebre Rugby Club 1, Worcester Warriors 5

Note: Cielo sereno. Temperatura 7°. Terreno in ottime condizioni. Spettatori 750.

[Lucchin placcato al Lanfranchi dal player of the match Billy Searle – Amarcord Fotovideo] 

Cronaca: Una buona prova in mischia chiusa e in touche non basta alle Zebre che escono sconfitte 26-33 allo Stadio Lanfranchi di Parma. I Worcester Warriors chiudono il primo parziale sul 14-19 e allungano nella ripresa, aggiudicandosi il 4° turno di Challenge Cup. Quattro mete per gli atleti della franchigia federale che reagiscono d’orgoglio nel finale e trovano al 79’ la marcatura del punto di bonus.

Worcester Warriors che si mostrano estremamente cinici e attenti nel loro approccio alla gara. Dopo aver sbloccato lo score al 5’ con capitan Annett che segna da touche punendo il primo fallo degli Italiani, gli ospiti si ripetono al 17’ nuovamente col n° 2 che premia il bel contropiede offensivo.

Le Zebre, che pure avevano reagito bene alla prima marcatura e avevano pericolosamente risalito il campo, si trovano così sotto break al giro di boa del primo tempo, nonostante il predominio territoriale, nelle fasi statiche e sotto il profilo disciplinare (4 penalità degli Inglesi contro la sola concessa dai padroni di casa).

Ancora un altro fallo dei giocatori in maglia azzurra riporta Sisi compagni in zona d’attacco. Il XV di coach Bergamaschi questa volta trova la meta dopo una ripartenza da mischia chiusa. A segnarla è il n° 13 Erich Cronjé che buca la difesa avversaria in seconda fase.

Bella partita al Lanfranchi con una meta per parte nel finale di primo tempo. Al 34’ Searle segna sotto i pali, chiudendo ancora una volta il contropiede vincente, mentre al 38’ Cronjé e D’Onofrio combinano bene lungo l’out di sinistra. L’ala beneventana segna la seconda marcatura dei suoi, O’Malley completa il gioco da 7 punti e le due squadre rientrano negli spogliatoi sul 14-19.

Nella ripresa i Warriors aumentano la pressione e guadagnano cinque calci di punizione consecutivi nei primi 20’ del secondo tempo. Gli ospiti ne approfittano e segnano la meta del punto di bonus al 46’ alla bandierina col n° 14 Howe, ripetendosi al 58’ col neoentrato Hill. Searle converte entrambe le marcature e porta i suoi oltre il doppio break.

Le Zebre reagiscono e risalgono il campo nell’ultimo quarto d’ora del match. Gli Italiani vincono un altro ingaggio in mischia chiusa, l’ovale arriva nelle mani di Rizzi che sventaglia a largo per Trulla, libero di andare a marcare la terza meta per i suoi. Rizzi sbaglia il tentativo dalla piazzola e si resta sul 19-33 quando siamo al 70’.

Al 71’ i Warriors allungano dalla piazzola con Billy Searl, premiato player of the match al termine della sfida, ma al 79’ gli atleti della franchigia federale rispondono d’orgoglio con Lucchin. Rizzi trasforma e gli Italiani chiudono il 4° turno di Challenge Cup sul 26-36, trovando allo scadere il punto di bonus.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 24 gennaio aprendo la settimana di allenamenti in vista dell’11° turno dello United Rugby Championship, in programma sabato 29 gennaio alle 18:00 allo Stadio Lanfranchi di Parma contro gli Irlandesi del Munster.


GIAMMARIOLI RIENTRA PER LA SFIDA DEL LANFRANCHI CON I WORCESTER WARRIORS

Parma, 21 gennaio 2022 – Il 2022 delle Zebre si apre a Parma. Sabato 22 gennaio gli atleti della franchigia federale scenderanno in campo allo Stadio Lanfranchi nel 4° turno dell’EPCR Challenge Cup.

Avversari di giornata, alle ore 16:15, saranno gli Inglesi Worcester Warriors, rivali nel girone A di coppa con quattro punti collezionati dopo la sconfitta in casa dei Newcastle Falcons, il pareggio “a tavolino” con Biarritz e il ko interno con Tolone, giunto venerdì scorso.

Sarà il terzo incontro di sempre con i britannici, match che sarà trasmesso in diretta streaming a pagamento sul sito dell’EPCR TV https://epcrugby.tv/ . In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca del match sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag #ZEBvWOR.

Zebre e Worcester sono entrambe a caccia della loro prima vittoria in Challenge Cup ed occupano rispettivamente il quinto e quarto posto in classifica. Gli Italiani si presentano all’appuntamento forti dei due precedenti vinti con i gialloblù nel corso della stagione 2015/16, quando il XV del Nord Ovest riuscì ad imporsi al Lanfranchi e al Sixways Stadium a cavallo dei mesi di dicembre e gennaio.

Dopo dodici giornate nel massimo campionato inglese, la squadra allenata da Jonathan Thomas occupa il penultimo posto in classifica con 21 punti, frutto di tre vittorie e un pareggio. Il club nato nel 1871 annovera dodici atleti internazionali nella propria rosa, distribuiti tra la nazionale inglese, scozzese, gallese, sudafricana e tongana. Di questi, solamente l’ala Duhan van der Merwe e il pilone Rory Sutherland sono stati convocati per il Sei Nazioni 2022, avendo ricevuto in settimana la chiamata dal ct scozzese Gregor Townsend.

Cinque giocatori delle Zebre sono stati invece convocati dall’Italia per le prime due giornate della prestigiosa kermesse europea. Sono l’ala Pierre Bruno, il n° 9 Alessandro Fusco, il seconda linea David Sisi e i due piloni Danilo Fischetti e Giosuè Zilocchi.

I tre avanti trovano spazio nella lista gara scelta dal nuovo capo allenatore Emiliano Bergamaschi che, in vista della gara di sabato, ha potuto riabbracciare il rientro in squadra di tutti i giocatori delle Zebre risultati positivi al Covid-19 nelle prime tre settimane di gennaio, libere da impegni agonistici dopo il rinvio del derby di ritorno col Benetton Rugby e i due weekend di sosta.

Rientrano Rimpelli, Zilocchi e Giammarioli, quest’ultimo schierato dal primo minuto nel XV titolare.

Dirigerà l’incontro la scozzese Hollie Davidson, alla sua prima presenza con in campo le Zebre. L’ex n° 9 delle Murray Wanderers ha già esordito come direttrice di gara in molti palcoscenici prestigiosi, come il campionato celtico e il Sei Nazioni femminile; questo sabato sarà coadiuvata dai connazionali Graeme Ormiston e Ross Mabon. Il TMO designato è Sam Grove-White, a completare un quartetto arbitrale tutto tesserato con la Scottish Rugby Union.

La formazione delle Zebre Rugby che sabato 22 gennaio alle ore 16:15 scenderà in campo contro gli Inglesi Worcester Warriors allo Stadio Lanfranchi di Parma nel 4° turno dell’EPCR Challenge Cup:

15. Junior Laloifi (24)

14. Giovanni D’Onofrio* (18)

13. Erich Cronjé (4)

12. Enrico Lucchin* (28)

11. Mattia Bellini (66)

10. Timothy O’Malley (3)

9. Marcello Violi* (76)

8. Renato Giammarioli* (66)

7. Luca Andreani* (4)

6. Liam Mitchell (3)

5. Leonard Krumov* (69)

4. David Sisi (71) (Cap)

3. Eduardo Bello (70)

2. Oliviero Fabiani (137)

1. Danilo Fischetti* (34)

A disposizione:

16. Massimo Ceciliani* (43)

17. Daniele Rimpelli* (53)

18. Giosuè Zilocchi* (36)

19. Andrea Zambonin* (8)

20. Iacopo Bianchi* (24)

21. Guglielmo Palazzani (153)

22. Antonio Rizzi* (26)

23. Jacopo Trulla* (11)

All. Emiliano Bergamaschi

Non disponibili per infortunio: Luca Bigi, Nicolò Casilio*, Gabriele Di Giulio*, Alessandro Fusco*, Marco Manfredi, Johan Meyer, Matteo Nocera*

*è/è stato membro dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”

Arbitro: Hollie Davidson (Scottish Rugby Union)

Assistenti: Graeme Ormiston (Scottish Rugby Union) e Ross Mabon (Scottish Rugby Union)

TMO: Sam Grove-White (Scottish Rugby Union)

La gara sarà disponibile in diretta streaming a pagamento sul sito dell’EPCR TV https://epcrugby.tv/ .

Cronaca testuale della sfida sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag #ZEBvWOR.


EMILIANO BERGAMASCHI NOMINATO CAPO ALLENATORE DELLE ZEBRE RUGBY

Parma, 17 gennaio 2022 – Zebre Rugby Club comunica di aver raggiunto un accordo con Emiliano Bergamaschi, il quale ricoprirà il ruolo di capo allenatore della franchigia federale per le restanti gare della stagione 2021/22, con possibilità di estendere ulteriormente il suo incarico per le prossime stagioni.

Il tecnico italo-argentino sarà affiancato dall’allenatore dei trequarti Fabio Roselli.

Lo staff tecnico del XV del Nord Ovest lavorerà in collaborazione con lo staff tecnico della Nazionale e con quello dell’Accademia Nazionale “Ivan Francescato”, favorendo la nuova progettualità per lo sviluppo degli atleti U21/U24 che vede già da questa stagione l’integrazione dell’organico dell’Accademia Nazionale nelle sessioni di allenamento delle Zebre alla Cittadella del Rugby di Parma.

Le dichiarazioni del nuovo capo allenatore delle Zebre Rugby Emiliano Bergamaschi: “Ricoprire l’incarico di capo allenatore delle Zebre è una grandissima sfida, mi sento molto onorato. Adesso abbiamo l’opportunità di diventare più forti, di crescere e di migliorare a tutti i livelli, come squadra, come giocatori e come club”.

Le dichiarazioni del Presidente di Zebre Rugby Club Michele Dalai: “Sono state settimane intense e difficili, le ultime. Abbiamo rispettato la volontà di Mike Bradley e ridotto al minimo le comunicazioni sulla fine della sua collaborazione professionale con le Zebre. A Mike rinnovo la gratitudine e l’affetto personale, enorme. Stiamo operando una ricostruzione lunga e faticosa, ma comunque entusiasmante. Eravamo consapevoli che sarebbero stati così tanti e diversi i problemi. Per questo lavoriamo ancora più duramente e saremmo, saremo come sempre felicissimi di raccontare come a chi vorrà approfondire”.

“Oggi annunciamo che la squadra sarà guidata da Emiliano Bergamaschi da qui alla fine della stagione ed è un annuncio importante, perché Emiliano è un professionista eccezionale, con una visione in cui noi tutti crediamo – continua il n° 1 della franchigia federale –. Questa è una stagione strana, fatta ormai di due periodi distinti, per questo siamo fiduciosi che in 14 partite ancora da giocare le cose possano cambiare e molto. Emiliano Bergamaschi ha lavorato in questi giorni con un gruppo ridotto di giocatori a causa di un pesante numero di positivi al Covid-19, che stanno lentamente rientrando e mettendosi a disposizione. A lui il nostro augurio di buon lavoro e l’incoraggiamento della Società, ora più che mai presente al fianco dello staff tecnico”.


IL N° 9 INGLESE CHRIS COOK AGGIUNGE QUALITÀ ED ESPERIENZA ALLA ROSA DELLE ZEBRE RUGBY

Parma, 20 gennaio 2022 – La rosa delle Zebre Rugby è lieta di accogliere il n° 9 inglese Chris Cook, esperto e talentuoso mediano di mischia che vanta 142 apparizioni ufficiali con la maglia del Bath Rugby.

Il 30enne è già arrivato a Parma e ha firmato fino al 30 giugno 2022, con possibilità di estendere ulteriormente la sua militanza col XV del Nord Ovest. Oltre a dare il suo contributo per le restanti 14 gare della stagione 2021/22 nei due tornei internazionali United Rugby Championship ed EPCR Challenge Cup, l’ex trequarti dell’Inghilterra U20 e Seven garantirà maggior profondità ad un reparto che vedrà la momentanea assenza dell’infortunato Nicolò Casilio e del n° 9 Azzurro Alessandro Fusco, convocato per il Sei Nazioni 2022.

Le prime dichiarazioni del nuovo mediano di mischia delle Zebre Rugby, l’Inglese Chris Cook: “Sono molto contento per l’opportunità che mi è stata data. Le Zebre hanno intrapreso un percorso di rinnovamento, per cui è forse il miglior momento per entrare in rosa, portare la mia esperienza e mettermi al servizio della squadra. L’Italia è un Paese fantastico, sono felice di essere a Parma e di vivere quest’esperienza culturale oltre che sportiva. Non vedo l’ora di mettermi in gioco e di aiutare il club a crescere”.

Nato e cresciuto a Bath, Chris Cook è un prodotto dell’accademia dello storico club del Somerset. L’esordio con la prima squadra arriva nel 2010 all’età di diciannove anni; in quella stessa stagione il n° 9 colleziona 9 presenze con la maglia dell’Inghilterra U20, vincendo il Grande Slam al Sei Nazioni di categoria e raggiungendo la finale dell’IRB Junior World Championship, persa 33-22 a Padova contro la Nuova Zelanda.

Nel 2011/12 passa momentaneamente agli Esher RFC con cui disputa cinque gare nel Championship, la seconda divisione inglese. Ritorna a Bath al termine della stagione, ma nel 2013/14 viene ceduto in prestito ai London Welsh con cui vince il campionato cadetto, superando 21-20 i Bristol Bears al Memorial Stadium.

Nell’estate del 2014 torna al “REC” ed apre un periodo ricco di presenze e minuti giocati col club nato nel 1865, scendendo in campo con continuità in Premiership, nella Coppa Anglo-Gallese e nelle due competizioni dell’EPCR Champions Cup e Challenge Cup.

Nel giugno del 2019 partecipa con la Nazionale Seven all’ultima tappa del torneo di World Rugby delle Seven Series, mentre nel maggio del 2020 firma il suo passaggio ai Bristol Bears con cui disputa due gare nel corso della stagione 2020/21.


COPPA ITALIA, V GIORNATA: LE FIAMME ORO RAGGIUNGONO IL PETRARCA IN FINALE

Roma – Nella quinta ed ultima giornata della Coppa Italia le Fiamme Oro – dopo il pareggio last minute per 34-34 in casa del Calvisano – conservano il primato nel Girone 2 e raggiungono il Petrarca in finale.

Partita emozionante che vede gli ospiti andare subito in vantaggio al 2’ con una meta di Cornelli trasformata da Di Marco. Tira e molla continuo tra le due squadre che vede i padroni di casa ribaltare il passivo chiudendo la prima frazione sul 24-10. Nella ripresa la squadra di Guidi allunga le distanze con la meta di Lewis, ma il XV di Presutti accorcia prima le distanze e, nei minuti finali, completa la rimonta agguantando il pareggio con una meta di Vian all’ultimo minuto.

Nel secondo match del Girone 2 Rovigo espugna il campo della Lazio con il risultato di 26-21 grazie anche alla prestazione di Moscardi, autore di ben quattro mete.

Non si sono giocate entrambe le partite del Girone 1 in seguito alla rinuncia – da parte di Mogliano e Lyons – a disputare i rispettivi incontri.

La finale tra Petrarca e Fiamme Oro è in calendario il 2 aprile 2022 in campo neutro.

Questi i risultati di giornata:Girone 1 – ore 15 Valorugby Emilia v Mogliano Rugby 1969 – annullata Rugby Viadana 1970 v Sitav Rugby Lyons – annullata   Riposa:Petrarca RugbyClassifica: Petrarca Rugby 20, Valorugby Emilia 10, Mogliano Rugby 1969 5, Rugby Viadana 1970 e Sitav Rugby Lyons 0   Girone 2 – ore 14 S.S. Lazio Rugby 1927 v FEMI-CZ Rovigo 21-26 (1-5) Ore 15 Rugby Transvecta Calvisano v Fiamme Oro Rugby 34-34 (3-3)   Riposa: HBS Colorno

Classifica: Fiamme Oro Rugby 15, Rugby Transvecta Calvisano 13, FEMI-CZ Rovigo 12, HBS Colorno 10, S.S. Lazio Rugby 1927 2


Calvisano, Stadio San Michele – Sabato 22 gennaio 2022 ore 15:00

Coppa Italia, V giornata Girone 2

Rugby Transvecta Calvisano v Fiamme Oro Rugby Roma  34-34 (24-10)

Marcatori: p.t. 2’ m. Cornelli tr. Di Marco (0-7); 5’ cp Hugo (3-7); 14’ cp Hugo (6-7); 18’ cp Di Marco (6-10); 20’ m. Izekor (11-10); 37’ cp Hugo (14-10); 39’ m. Izekor tr. Hugo (21-10); 40’ cp. Hugo (24-10); s.t. 42’ m. Lewis tr Hugo (31-10); 46’ m. Vian tr. Di Marco (31-17); 62’ m. Iacob tr Di Marco (31-24); 74’ cp Hugo (34-24); 78’ cp Di marco (34-27); 80’ m Vian tr Di Marco (34-34).                                                                                                                                                                                                                                              Rugby Transvecta Calvisano: Ragusi; Mastandrea, Bronzini (25’-32 Brighetti) (41’ Brighetti), Garrido-Panceyra (cap), Susio; Hugo, Consoli (41’ Albanese-Ginammi); Vunisa, Izekor (58’ Bernasconi), Grenon; Lewis, Zanetti (63’ Maurizi); Leso (41’ D’amico), Luccardi (40’ Morelli) , Brugnara (46’ Gavrilita) .

A disposizione non entrati: Regonaschi

All. Guidi

Fiamme Oro Rugby: Biondelli; Cornelli (54’ Guardiano), Forcucci, Angelini (54’ Fusari), Mba (39’ Mariottini);  Di Marco, Marinaro (cap); De Marchi, Chianucci, Vian; D’onofrio (51’ Angelone), Chiappini (51’ Fragnito); Vannozzi (41’ Iacob), Kudin (41’ Moriconi), Tenga (49’ Mba). 

A disposizione non entrati: Menniti

All. Presutti

Arb. Filippo Russo (Cesena)AA1: Andrea Spadoni (Padova), AA2 Matteo Locatelli (Bergamo)
Quarto uomo: Ferdinando Cusano (Vicenza)

Cartellini: al 35’ giallo a Lewis (Rugby Transvecta Calvisano), al 37’ rosso a Tenga (Fiamme Oro Rugby), al 37’ giallo a Susio (Rugby Transvecta Calvisano), al 72’ rosso a Lewis (Rugby Transvecta Calvisano),

Calciatori: Hugo (Rugby Transvecta Calvisano) 6/7; Di Marco (Fiamme Oro Rugby) 6/6

Note: Campo in ottime condizioni, giornata invernale di sole

Punti conquistati in partita: Rugby Transvecta Calvisano 3  ;Fiamme Oro Rugby 3.

Player of the Match: Filippo Di Marco (Fiamme Oro Rugby)


Roma, “CPO Giulio Onesti” – Sabato 22 Gennaio 2021 ore 14:00
Coppa Italia, V giornata Girone 2
S.S. Lazio Rugby 1927 v Femi-CZ Rugby Rovigo Delta 21-26 (14-14) 

Marcatori: p.t.  5’ m. Moscardi tr Lertora (0-7), 25’ m. Moscardi tr Lertora (0-14), 29’ m. Ulisse tr Cozzi (7-14), 39’ m. Santarelli tr Cozzi (14-14) s.t. 48’ m. Moscardi tr Lertora (14-21), 53’ m. Moscardi (14-26), 80′ m. Pilati (19-26)

S.S. Lazio Rugby 1927: Cozzi; Donato D. (50’ Sodo Migliori), Cruciani; Pancini (60’ Vella); Santarelli, Montemauri, Loro (cap) (61’ Del Valle); Donato J. (50’ Parlatore); Pilati, Ulisse; De Lorenzi (70’ Asoli), Broglia; Maina (49’-58’ Leiger), Rosario (48’ Gisonni), Gentile 

all.De Angelis

Femi-CZ Rugby Rovigo: Diederich Ferrario (40’ Van Reneen); Lertora, Moscardi, Uncini (68’ Bordin), Bacchetti (79′ Uncini); Borin, Lucchin (50’ Visentin); Ferro (cap.), Michelotto (45’-58’ Steolo) (65’ Steolo), Ruggeri; Maran (76’ Barbi), Andreoli; Brandolini (35’ Swanepoel), Bonan (40’ Cadorini), Leccioli.(40’ Lugato)

AllCoetzee

arb.DarioMerli (Ancona)
AA1Maria BeatriceBenvenuti(Roma)
AA2 : 
Riccardo Fagiolo (Roma)

Quarto Uomo: Edoardo Pelliccioni (Roma)

Cartellini: Al 77’ cartellino giallo a Matteo Ferro (Femi-CZ Rugby Rovigo)

Calciatori: Rafael Lertora (Femi-CZ Rugby Rovigo) 3/4, Francesco Cozzi (S.S. Lazio Rugby 1927) 2/3

Note: giornata soleggiata a Roma

Punti conquistati in classifica: S.S. Lazio Rugby 1927 1; Femi-CZ Rugby Rovigo 5

Man of the Match: Matteo Moscardi (Femi-CZ Rugby Rovigo)


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00