ILARIA REZZI / THE LAST SOUP / a cura di Romina Guidelli / Galleria Fidia di Roma / 27 Gennaio – 10 Febbraio 2022. Immagini Courtesy Galleria Fidia. https://www.artefidia.com/

Il saper memorizzare e mescolare, rimodulare personaggi, storie ed icone. Ilaria Rezzi, The Last Soup. (m.g.)


COMUNICATO STAMPA GALLERIA FIDIA


ILARIA REZZI |THE LAST SOUP

A cura di Romina Guidelli

Supporto tecnico Tanja Mattucci

INAUGURAZIONE GIOVEDÌ 27 GENNAIO 2022 DALLE ORE 18.30 ALLE 21.00 DAL 27 GENNAIO AL 10 FEBBRAIO 2022

Galleria Fidia di Fausto Fiume, Via Angelo Brunetti 49, Roma

Info mostra

http://www.artefidia.com  – info@artefidia    


Giovedì 27 gennaio alle ore 18.30, la Galleria Fidia di Fausto Fiume inaugura la mostra The Last Soup di Ilaria Rezzi. La mostra della Galleria Fidia sarà la prima importante tappa espositiva della artista impegnata in tre importanti momenti-mostra, da gennaio a maggio 2022, in tre diverse città italiane: Roma, Venezia e Rovigo. La mostra The Last Soup sancisce la collaborazione tra Ilaria Rezzi e Romina Guidelli, curatrice delle mostre in programma fino alla prossima primavera.

A dare titolo alla mostra è la prima opera eseguita da Ilaria Rezzi nel 2021: The Last Soup, madrina concettuale dei successivi lavori realizzati fino a gennaio 2022. In mostra, oltre alle due grandi tele The Last Soup (cm 100×250) e Switch (cm 100×200), saranno presentate opere di varie dimensioni datate dal 2015 al 2022, alcune delle quali esposte, per gentile prestito del gallerista Gianfranco Rosini, in occasione delle mostre “Dal Futurismo alla Urban Art” (Riccione, Roma, Genova 2019; Napoli 2021).

I Puffi che compaiono sulle tele eseguite ad olio da Ilaria Rezzi, mantengono intatto quello spirito ludico e dissacrante tipico della poetica Pop. La Serie dedicata ai mitici personaggi blu è stata battezzata dall’artista RidEntità. Questo termine nasce da un uso evocativo della parola, dal sapore dadaista. Una “crasi” dei termini che sottolinea il valore fortemente concettuale della ricerca di Ilaria Rezzi, guidato da un linguaggio Pop che muove tra la presentazione estetica dell’oggetto e una ricerca onirica e surreale basata sull’interpretazione dell’oggetto come soggetto animato idealmente inserito nel tempo attuale: tempo in cui accade la vita di cui l’opera d’arte è testimone“.


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00