IL CALCIO – SERIE A. Photo Courtesy @SerieA ©LaPresse. https://www.legaseriea.it/it

Capienza massima negli stadi di 5000 spettatori con chiusura del settore ospiti dal prossimo turno, con 13 giocatori non positivi in rosa si può giocare, tre i ricorsi vinti al Tar dalla Lega nei confronti delle decisioni delle Usl regionali, Torino, Fiorentina ed Udinese non sono più in isolamento fiduciario, il Bologna non può tornare a giocare. Il Premier Draghi ha chiesto o l’interruzione del campionato, come ormai avvenuto in ogni categoria, o il ritorno a giocare a stadi vuoti. Mercoledì l’incontro decisivo tra le istituzioni, la Lega nell’assemblea straordinaria di questo pomeriggio conferma anche i turni del 16 e del 23 Gennaio. Conferme anche per la Supercoppa del 12 Gennaio Inter-Juventus e per gli Ottavi della Coppa Italia, 12-13 Gennaio, Atalanta-Venezia, Napoli-Fiorentina e Milan-Genoa. Intanto si gioca, il 9 Gennaio Inter-Lazio e Roma-Juventus in evidenza tra consolidamento di un primato e delusioni da non continuare, il Milan e il Napoli, che saluta Insigne a Toronto nella prossima stagione, per mantenere ancora un distacco virtuale minore dalla capolista neroazzurra. La Lega Serie A alza la voce, ogni organizzazione economica sta sparendo e ricostruendosi, anche il calcio non potrà esserne esentato. (m.g.)

IL CALCIO – SERIE A. Photo Courtesy @SerieA ©Getty Images. https://www.legaseriea.it/it


NOTA CONSIGLIO DI LEGA

Il Consiglio di Lega ha approvato oggi all’unanimità un regolamento organizzativo, coerente con le regole adottate già dalla Uefa, che stabilisce l’obbligo di scendere in campo per le squadre con almeno 13 giocatori (tra cui un portiere) della prima squadra e della Primavera (sempre se maggiorenni) risultati negativi ai test per rilevare il covid-19. 

Il regolamento adottato permetterà di proseguire la stagione e portare a termine il campionato di Serie A TIM, con l’auspicio che non intervengano più le ASL con provvedimenti confusi e incoerenti che, al momento, stanno creando gravi danni al sistema sportivo italiano, con devastanti impatti economici e riflessi di carattere sociale. A tal proposito resta fermo il convincimento che le decisioni delle varie ASL, per diverse ragioni, siano illegittime, pertanto la Lega Serie A ricorrerà presso tutte le sedi opportune a tutela del libero svolgimento delle proprie competizioni, sempre salvaguardando la salute degli atleti e nel rispetto delle norme vigenti. 

A seguito della pubblicazione del “regolamento” odierno prevale la fiducia di poter disputare tutti gli incontri della prossima giornata del 9 gennaio, superando finalmente la confusione generata dai provvedimenti delle ASL. 

La Lega Serie A esprime infine soddisfazione per gli interventi odierni del Ministro Gelmini e del Sottosegretario allo Sport Vezzali, volti a trovare soluzioni nell’interesse della regolarità del campionato e della sicurezza per i giocatori. Si auspica, infatti, che la prossima riunione annunciata dal Governo possa finalmente, una volta per tutte, individuare strumenti di coordinamento delle ASL territoriali e garantire il corretto svolgimento del campionato di Serie A TIM assicurando una procedura uniforme di gestione delle situazioni di positività nelle squadre.

# Serie A TIM – | Lega Serie A – | Consiglio di Lega


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00