“LOCKDOWN ITALIA visto dalla Stampa Estera” / Roma, Musei Capitolini Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori / 8 Ottobre 2020 – 1 Novembre 2020 / Associazione Stampa Estera in Italia. Photo ©Grzegorz Galazka/SIPA Press ©Pablo Esparza/Heraldo de México ©Chris Warde-Jones/The Daily Telegraph Courtesy of Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura.

Pablo Esparza/Heraldo de México Città del Vaticano, 27 marzo 2020. Papa Francesco cammina sotto la pioggia per impartire la benedizione Urbi et Orbi in una piazza San Pietro inaccessibile e vuota. Vatican City, 27 March, 2020. Pope Francis walks alone in the rain before delivering a blessing to the world in a deserted St. Peter’s Square.

In un mondo d’informazione formato crisi tutti corrono nello stesso tempo dell’evidenza di ciò che accade. Stampa Estera o non senza alcuna mediazione culturale all’interno del servizio giornalistico il prodotto sarà sempre complementare al sistema economico dominante, in una fase di rigenerazione economica e finanziaria, in ripetute emergenze e isolamenti fiduciari. (m.g.)

“LOCKDOWN ITALIA visto dalla Stampa Estera” / Roma, Musei Capitolini Sale Terrene del Palazzo dei Conservatori / 8 Ottobre 2020 – 1 Novembre 2020 / Associazione Stampa Estera in Italia. Photo ©Grzegorz Galazka/SIPA Press ©Pablo Esparza/Heraldo de México ©Chris Warde-Jones/The Daily Telegraph Courtesy of Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura.

Pablo Esparza/Heraldo de México Pompei, 19 agosto 2020. Una giovane ragazza con mascherina salta sulle antiche pietre romane di Pompei dopo la riapertura ai siti turistici. Pompei, 19 August, 2020. A young woman with face mask steps across ancient Roman stones at Pompei after the reopening of tourist sites.
Chris Warde-Jones/The Daily Telegraph Amalfi, 6 maggio 2020. Tre residenti di Amalfi mantengono la distanza di sicurezza in una Piazza del Duomo deserta. Amalfi, 6 May, 2020. Three Amalfi residents maintain social distancing in a deserted Piazza del Duomo.

COMUNICATO STAMPA “LOCKDOWN ITALIA visto dalla Stampa Estera” / Introduzione di Trisha Thomas Presidente Associazione Stampa Estera in Italia.


“LOCKDOWN ITALIA visto dalla Stampa Estera”

Trisha Thomas

Si è insinuato fra noi mentre guardavamo altrove…

I nostri occhi erano tutti puntati su Wuhan… quando ci ha dato un buffetto sulla spalla. Il Covid-19, a Codogno, in Lombardia, in mezzo a noi.

È avanzato rapido, in silenzio, diffondendo implacabile morte e caos fra tutto quello che credevamo sicuro e familiare… i bar, le scuole, i luoghi di lavoro, le chiese, i treni, i supermercati, le nostre stesse case. Questa pandemia ha messo a rischio tutto e tutti.

Regola fondamentale per noi giornalisti è mantenere il distacco, non lasciarsi coinvolgere, restare osservatori per garantire la massima obiettività, ma questa volta, ironia della sorte, siamo stati tutti coinvolti personalmente in quanto residenti in Italia.

Da un momento all’altro, ci siamo ritrovati intrappolati, rinchiusi nelle nostre case a preoccuparci dei nostri cari e a chiederci dove mai avremmo trovato mascherine e gel disinfettante. Eravamo proprio lì, al centro della storia, esposti al virus e ai suoi effetti come chiunque altro. Ma in quanto giornalisti, privilegiati, perché ufficialmente autorizzati a uscire con il dovere di raccontare quella storia.

Come primo Paese occidentale a subire l’impatto del virus, l’Italia era balzata in cima alle aperture dei telegiornali e alle prime pagine dei quotidiani. Dovevamo uscire e raccontare la storia. Il nostro lavoro era recarci nelle unità di terapia intensiva, intervistare medici e infermieri, visitare case di cura, riferire dei funerali, oltre a mostrare al mondo come l’Italia, il suo governo e la sua gente, stavano affrontando la pandemia.

Il virus sembrava colpire al cuore di tutto ciò che è italiano e tentare di distruggerlo. Gli italiani si salutano con due baci sulle guance e bevono insieme il caffè al bancone del bar. Gli italiani a volte non sono esattamente disciplinati e capita di vederne qualcuno saltare una fila.

Eppure, l’Italia e gli italiani hanno fatto quadrato. Sono rimasti a casa, hanno rispettato il distanziamento sociale, hanno indossato le mascherine e sono stati in fila, a volte per ore, davanti ai supermercati.

Gli italiani hanno rispettato le regole e accettato un durissimo colpo alla loro economia e ai loro bisogni, con perdite finanziarie capaci di ridurre in povertà singoli individui e intere famiglie. Con grande spirito di sacrificio, dando prova di uno straordinario senso di unità nazionale, l’Italia ha fronteggiato la minaccia invisibile….


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00