IL RUGBY – Women’s Rugby World Cup 2022 European Qualifier – UNITED RUGBY CHAMPIONSHIP 21-22 – TOP10 Coppa Italia – Rugby EUROPE BEACH FINALS. L’Italia di Giandomenico in allenamento al Lanfranchi di Parma in preparazione all’esordio con la Scozia il 13 Settembre nelle qualificazioni europee alla Rugby World Cup con diretta Raisport. L’U18 vincente nel test match in Inghilterra 27-17. La Nazionale di Beach Rugby a Mosca prima nel Girone B nelle Finali Europee. Photo Courtesy of Media FIR, Benetton Rugby, Zebre Rugby Club. https://www.federugby.it

Ci siamo. Il rugby azzurro cresce di livello, di risultati, di programmazione, ora l’ovale e il campo da gioco. Conferma non più sorprendente la vittoria dell’U18 in casa dell’Inghilterra, la Nazionale Italia Femminile da protagonista nelle imminenti qualificazioni europee per la Coppa del Mondo, Benetton e Zebre bene nelle prime amichevoli e con nuovi innesti sudafricani e neozelandesi che accresceranno una competitività già ampiamente costruita. Parma diventa sempre più la casa del rugby italiano, dopo la nazionale Femminile, la Finale del Top10 sarà al Lanfranchi. Ci siamo. (m.g.)

IL RUGBY – Women’s Rugby World Cup 2022 European Qualifier – UNITED RUGBY CHAMPIONSHIP 21-22 – TOP10 Coppa Italia – Rugby EUROPE BEACH FINALS. Prima amichevole per il nuovo Benetton di Bortolami. Sconfitta di misura 19-28 con gli inglesi Sale Sharks. Il 16 Settembre secondo impegno ad Edimburgo. Le Zebre superano il Petrarca Padova nel primo impegno amichevole stagionale. I multicolor rafforzano la rosa con Mitchell e O’Malley. Photo Courtesy of Media FIR, Benetton Rugby, Zebre Rugby Club. https://www.federugby.it


COMUNICATI STAMPA FIR AREA COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON I MEDIA / UFFICIO STAMPA BENETTON RUGBY / ZEBRE RUGBY CLUB


NAZIONALE FEMMINILE: LA FORMAZIONE IN CAMPO CON LA SCOZIA,
NEL PRIMO MATCH DEI RUGBY WORLD CUP 2021 EUROPEAN QUALIFIER

Parma – Andrea Di Giandomenico, Commissario Tecnico della Nazionale femminile, ha reso noto il XV che lunedì 13 settembre alle ore 15 affronterà la Scozia allo Stadio S.Lanfranchi di Parma, nella sfida inaugurale del Torneo di qualificazione europeo che consentirà alla prima classificata di accedere direttamente alle fasi finali della Rugby World Cup 2021 – procrastinata all’autunno del 2022.
La partita sarò trasmessa in diretta su Rai Sport e sulle piattaforme di streaming www.raisport.it, RaiPlay e www.rugbyworldcup.com; i biglietti sono disponibili fino all’inizio della gara su www.ciaotickets.com e nei punti vendita CiaoTickets.

Le due formazioni, dirette da Aurelie Groizeleau (FFR), si incontrano nuovamente a pochi mesi di distanza dall’ultima sfida a Scotstoun: in quell’occasione, le Azzurre si imposero sulla squadra di casa con il punteggio di 20-41, segnando sette mete  (due di Beatrice Rigoni, tre di Manuela Furlan, una a testa per Vittoria Ostuni Minuzzi e Ilaria Arrighetti).

Le meta-women sono confermate – Furlan verrà schierata nuovamente all’ala – così come le altre componenti più esperte della squadra, pilastri nei rispettivi ruoli: Sara Barattin (98 caps) mediano di mischia, Elisa Giordano (46 caps) al numero 8, Michela Sillari (60 caps, centro) e Lucia Gai in prima linea.

Al contempo, sono state inserite nel gruppo molte atlete della nuova generazione – Maris in campo dal primo minuto, D’Incà a disposizione; Seye e Vecchini potrebbero esordire proprio lunedì.

“Sarà fondamentale il contributo di ogni giocatrice, la prestazione del singolo si inserisce nel lavoro di gruppo che è stato portato avanti durante i raduni estivi, con la consapevolezza che avremmo affrontato delle gare di grande intensità. La forza del gruppo sta nella coesione che si è creata tra le atlete, e nel contributo che le singole specificità possono dare al raggiungimento dell’obiettivo comune: scenderemo in campo per dimostrare le nostre capacità’, ha dichiarato Andrea Di Giandomenico.

Questa la formazione in campo:

15 Vittoria OSTUNI MINUZZI (Valsugana Rugby Padova, 6 caps)
14 Manuela FURLAN (Arredissima Villorba, 78 caps) – Capitano
13 Michela SILLARI (Valsugana Rugby Padova, 60 caps)
12 Beatrice RIGONI (Valsugana Rugby Padova, 46 caps)
11 Maria MAGATTI (CUS Milano, 36 caps)
10 Veronica MADIA (Rugby Colorno, 22 caps)
9 Sara BARATTIN (Arredissima Villorba, 98 caps)

8Elisa GIORDANO (Valsugana Rugby Padova, 46 caps)

7 Giada FRANCO (Rugby Colorno, 18 caps)
6 Ilaria ARRIGHETTI (Stade Rennais, Francia, 48 caps)
5 Giordana DUCA (Valsugana Rugby Padova, 21 caps)
4 Valeria FEDRIGHI (Stade Toulousain, Francia, 25 caps)
3 Lucia GAI (Valsugana Rugby Padova, 73 caps)
2 Melissa BETTONI (Stade Rennais, Francia, 61 caps)
1 Gaia MARIS (Valsugana Rugby Padova, 3 caps)

A disposizione:

16 Vittoria VECCHINI (Valsugana Rugby Padova, esordiente)
17 Michela MERLO (Rugby Colorno, 9 caps)
18 Sara SEYE (Rugby Calvisano, esordiente)
19 Isabella LOCATELLI (Rugby Monza 1949, 25 caps)
20 Francesca SGORBINI (ASM Romagnat, Francia, 8 caps)
21 Sofia STEFAN (Valsugana Rugby Padova, 59 caps)
22 Alyssa D’INCA’ (Arredissima Villorba, 1 cap)
23 Aura MUZZO (Arredissima Villorba, 17 caps)


RUGBY WORLD CUP 2021 EUROPEAN QUALIFIER:

CONFERMATI CALENDARIO E DESIGNAZIONI ARBITRALI

  • Le partite europee di qualificazione alla RWC 2021 si terranno in Italia il 13, 19 e 25 settembre 2021
  • Sede: Stadio Sergio Lanfranchi, Parma
  • Italia, Spagna, Irlanda e Scozia si contenderanno la qualificazione diretta come Europa 1 al Girone B
  • La seconda squadra classificata proseguirà il percorso verso la RWC2021 accendendo al Torneo di qualificazione finale
  • Visualizza tutte le designazioni arbitrali qui

World Rugby ha confermato il calendario delle partite e le designazioni arbitrali per le gare europee di qualificazione alla Rugby World Cup “Nuova Zelanda 2021”, in programma allo Stadio Sergio Lanfranchi di Parma il 13, 19 e 25 settembre 2021.

L’Italia, squadra ospitante, sfiderà Irlanda, Scozia e Spagna, vincitrice del Rugby Europe Women’s Championship 2020, in un girone all’italiana con partite di sola andata. La squadra prima classificata si assicurerà un posto nel Girone B della Rugby World Cup 2021, in programma nel 2022; la seconda classificata accederà al Torneo di qualificazione finale per una chance conclusiva di accesso alla rassegna iridata.

Per le gare di settembre è stata nominata una squadra di direttori di gara di esperienza, tra cui Aurelie Groizeleau (FFR), Nikki O´Donnell (RFU), Hollie Davidson (SRU), Clara Munarini (FIR), Maria Beatrice Benvenuti (FIR) e Maria Pacifico (FIR), al fianco dei TMO Andrea Piardi, Gianluca Gnecchi e Stefano Pennè (tutti FIR).

Nella giornata di apertura, Aurelie Groizeleau dirigerà Scozia v Italia (kick off alle 15, ora locale); alle 18, Nikki O’Donnell sarà in campo per l’incontro tra Spagna e Irlanda, il primo tra le due squadre dal maggio 2008.

Hollie Davidson e Aurelie Groizeleau sono incaricate della gestione delle partite della seconda giornata: l’Italia affronterà l’Irlanda alle 15; la Spagna sfiderà la Scozia alle 18.

L’unica vittoria dell’Italia negli ultimi 18 incontri con l’Irlanda si è registrata proprio allo Stadio S. Lanfranchi nel febbraio del 2019, con il punteggio finale di 29 a 27.

Hollie Davidson e Clara Munarini supervisioneranno le gare dell’ultima giornata: i padroni di casa dell’Italia affronteranno la Spagna alle 15, mentre la gara tra Irlanda e Scozia – primo scontro diretto dal febbraio 2020 – è in programma alle 18. Azzurre e Las Leonas non si affrontano dalla Rugby World Cup 2017, quando le spagnole vinsero 22-8 nella fase a gironi prima di cedere all’Italia 20-15 nel play-off per la nona posizione.

Visualizza tutte le designazioni arbitrali qui >>>>

Nove squadre sono già qualificate alla Rugby World Cup 2021 – Nuova Zelanda, Inghilterra, Francia, Canada, Stati Uniti, Australia e Galles in virtù del posizionamento ottenuto alla Rugby World Cup 2017; Sudafrica e Fiji sono già inserite nelle fasi finali essendosi classificate al primo posto nei Tornei delle rispettive regioni, Africa e Oceania.

Alison Hughes, Direttore del torneo della Coppa del Mondo di Rugby 2021, ha dichiarato: “Siamo lieti di confermare il calendario delle partite e un panel arbitrale di alto livello: le tre giornate di gara si prospettano emozionanti e molto combattute, tutte e quattro le squadre partecipanti ambiranno al primo posto, per accedere direttamente alla Rugby World Cup 2021 in Nuova Zelanda, insieme alle migliori squadre femminili di rugby a quindici del mondo. Continuiamo a lavorare in stretta collaborazione con le istituzioni del Paese ospitante e le federazioni partecipanti per garantire che l’evento si svolga in sicurezza e per dare alle giocatrici l’opportunità di mostrare il loro talento sul campo”.

Calendario RWC 2021 Europe Qualifier (fuso orario locale):

Sede: Stadio Sergio Lanfranchi, Parma

13 settembre 2021
15:00 – Scozia v Italia
18:00 – Spagna v Irlanda

19 settembre 2021
15:00 – Italia v Irlanda
18:00 – Spagna v Scozia

25 settembre 2021
15:00 – Italia v Spagna
18:00 – Irlanda v Scozia


UNITED RUGBY CHAMPIONSHIP, INAUGURANO LE ZEBRE A PARMA IL 24.9  BENETTON RUGBY A MONIGO CONTRO GLI STORMERS IL 25 SETTEMBRE


Roma –
Spetterà alle Zebre Rugby Club, venerdì 24 settembre alle 18.35 sul prato di casa del “Lanfranchi”, battezzare il nuovo United Rugby Championship. 

La nuova competizione internazionale, erede del Pro14, unisce quanto di meglio il rugby di Club dei due Emisferi sia in grado di offrire al grande pubblico, con le due Franchigie italiane e scozzesi, le quattro provincie d’Irlanda, le Regioni gallesi e le migliori realtà sudafricane provenienti dal Super Rugby che si sfideranno – divise in quattro gironi regionali, ma con una classifica unica – lungo una regular season di diciotto turni.

Proprio contro una delle nuove concorrenti sudafricane, i Lions di Johannesburg prenderà il via la stagione della franchigia italiana con base a Parma, con il XV capitanato da Giulio Bisegni di scena davanti al pubblico di casa venerdì sera alle 18.35.

Dopo aver conquistato la Rainbow Cup contro i Blue Bulls di Pretoria nell’indimenticabile Finale della scorsa primavera, sabato 25 settembre alle 14.00 la Benetton Rugby ripartirà da Monigo contro una delle nuove potenze provenienti dall’Emisfero australe, gli Stormers di Città del Capo.

Anche nel secondo turno le due italiane saranno di scena tra le mura amiche, entrambe in campo sabato 2 ottobre: la Benetton riceverà gli scozzesi dell’Edinburgh, sempre alle 14 a Monigo, mentre le Zebre alle 18.15 ospiteranno i nord-irlandesi dell’Ulster. 

La finestra natalizia sarà, come da tradizione, dedicata ai grandi derby nazionali. Sul fronte italiano primo appuntamento al “Lanfranchi” venerdì 24 dicembre alle 14.00 e ritorno a Monigo il 2 gennaio alla stessa ora, per inaugurare il 2022 con una sfida destinata a fornire importanti indicazioni anche in chiave azzurra a un mese dall’inizio del Guinness Sei Nazioni.

CLICCA QUI PER IL CALENDARIO COMPLETO DELLO UNITED RUGBY CHAMPIONSHIP 

La formula dello United Rugby Championship
Ogni squadra disputerà un totale di sei partite di andata e ritorno con le componenti del proprio girone regionale e dodici partite in casa o in trasferta contro le altre componenti della Lega.

I gironi
Girone irlandese: Connacht, Leinster, Munster, Ulster
Girone gallese: Dragons, Cardiff Rugby, Ospreys, Scarlets
Girone sudafricano: Cell C Sharks, DHL Stormers, Emirates Lions e Vodacom Bulls
Girone italia-scozzese: Benetton Rugby, Edinburgh, Glasgow Warriors, Zebre Rugby Club

Una classifica unica sarà utilizzata per posizionare tutte le squadre dopo le diciotto giornate di stagione regolare. Le prime otto classificate accederanno ai Play-Off. Le squadre riceveranno il vantaggio del campo per le fasi finali in base al loro piazzamento da prima a ottava.
Quarti di Finale e Semifinali identificheranno le due squadre che si qualificheranno per la Grande Finale.


FIR, NUOVE REGOLE PER SVILUPPO E GESTIONE DEGLI ATLETI D’ALTO LIVELLO U21-U24

PRINCIPI SVILUPPATI E CONDIVISI INSIEME A FRANCHIGIE E CLUB DI PERONI TOP10

  • Peroni TOP10 e Nazionale “A” asset strategici per l’alto livello insieme alle Franchigie
  • Crescita sinergica di Nazionale, Franchigie e Campionato Peroni TOP10
  • Monitoraggio, sostegno e confronto tra FIR e tecnici di Peroni TOP10 e Franchigie
  • Comitato Alto Livello guidato da Franco Smith per l’identificazione degli atleti 
  • Due liste distinte (“Permit Players” e “Draft Players”) per armonizzare le necessità
  • Evoluzione dei principi definiti nella “Riunione di Verona” di giugno 2021
  • Progetto pienamente operativo dalla Stagione Sportiva 2022/2023

Roma – La ristrutturazione dell’Alto Livello del rugby italiano, avviata con la “Riunione di Verona”, muove un nuovo passo con le nuove norme introdotte per migliorare il processo di selezione degli atleti per il più alto livello del Gioco. 

La piattaforma progettuale sviluppata dal Responsabile dell’Alto Livello Franco Smith, in coerenza con i principi fissati in primavera, agevolerà il processo di identificazione e formazione d’elite, garantendo una crescita tecnica armonizzata per le Squadre Nazionali, le Franchigie di United Rugby Championship e il massimo campionato nazionale Peroni TOP10 ed un ulteriore momento di formazione delle competenze internazionali negli atleti di età compresa tra i 21 ed i 24 anni d’età. 

RIUNIONE DI VERONA – FIR AVVIA LA RESIONE DELL’ALTO LIVELLO 

Un Comitato per l’Alto Livello, presieduto dallo stesso Smith, identificherà su base stagionale gli atleti del massimo campionato e della Serie A di potenziale interesse attraverso un monitoraggio capillare degli incontri ed un costante confronto con i Club e con gli staff delle Franchigie.

Ciò consentirà di identificare, per ogni atleta, il miglior percorso di crescita sportiva e personale possibile, attraverso un continuo interscambio tra le componenti tecniche di FIR, delle Franchigie e dei Club. 

Gli atleti identificati, a partire dal 2022/2023, dal Comitato per l’Alto Livello saranno suddivisi in due liste distinte, con forme contrattuali e diversi percorsi e modalità di gestione a seconda dell’inserimento nella lista dei “Permit Players”, contrattualizzati da FIR o dalle Franchigie e associati alle Società di TOP10, o dei “Draft Players”, la cui titolarità contrattuale resterà in capo al Club di appartenenza e monitorati costantemente dal Comitato nel corso della stagione. 

Permit e Draft Players, insieme agli atleti delle Franchigie, andranno ad ampliare il bacino di selezione potenziale della Squadra Nazionale Maggiore Maschile e rappresenteranno l’ossatura della ricostituita Nazionale “A”, che con un calendario internazionale di sette-otto incontri stagionali contro omologhe Tier 1 o Nazionali Maggiori Tier 2, offrirà un’ulteriore opportunità di confronto e maturazione per i migliori prospetti italiani. 

Franco Smith, Responsabile dell’Alto Livello FIR, ha dichiarato: “Per incrementare la capacità della Nazionale Maggiore Maschile di performare sulla scena internazionale, franchigie più competitive ed un campionato domestico di qualità sono la condizione essenziale. Allargare la base della selezione era una necessità non più differibile, così come creare per ogni giovane che ambisca a rappresentare l’Italia le migliori condizioni possibili di maturazione tecnica, fisica e psicologica. Lavoreremo con Kieran Crowley, tutto lo staff della Nazionale Maggiore, i tecnici delle Franchigie e dei Club del TOP10 per costruire per ogni giocatore il miglior percorso individuale possibile. FIR ha investito moltissimo nella formazione negli ultimi anni e i risultati colti a livello U18 e U20 testimoniano la qualità del lavoro svolto: la naturale evoluzione è garantire continuità e opportunità di confronto agli atleti più giovani delle Franchigie, del TOP10 e potenzialmente di tutti i campionati delle serie inferiori, attraverso un percorso chiaro, stimolante e che dal costante confronto tra le strutture tecniche di FIR e dei Club coinvolga e offra uno scambio continuo e un incremento delle competenze condivise. Vogliamo veder crescere l’Italia, e far crescere con lei tutto il rugby italiano”.

Permit Players

– Atleti contrattualizzati direttamente da FIR o Franchigie di URC.

– Assegnati dal Comitato Alto Livello a una Franchigia e associati ad un Club di Peroni TOP10.

– Svolgono allenamenti pre-stagionali con la Franchigia di appartenenza. 

– Svolgono almeno due allenamenti a settimana con la Franchigia di appartenenza.

– Se non convocati dalla Franchigia di appartenenza per incontri di URC/Challenge Cup, sono a disposizione del Club di Peroni TOP10 a cui sono associati.

– Sono assicurati da FIR analogamente a quanto accade per i giocatori delle Franchigie.

Draft Players

– Atleti contrattualizzati con Club di TOP10 o altra categoria seniores.

– Svolgono allenamenti settimanali con il proprio Club di appartenenza.

– Partecipano all’attività agonistica del Club di appartenenza.

– Sono monitorati costantemente dal Comitato Alto Livello. 

– Possono essere selezionati, in caso di necessità, da una Franchigia di United Rugby – Championship. 

– Sono assicurati da FIR analogamente a quanto accade per i giocatori delle Franchigie per la durata del loro utilizzo in franchigia. 

Comitato d’Alto Livello

Franco Smith – Direttore Alto Livello

Daniele Pacini – Direttore Tecnico FIR

Kieran Crowley – Commissario Tecnico Squadra Nazionale

Quintin Kruger – Responsabile Preparazione Atletica

Carlo Checchinato – Amministratore Delegato Zebre RC

Antonio Pavanello – Direttore Generale Benetton Rugby

Giorgio Morelli – Vice-Presidente Vicario FIR e Capo Delegazione Italia

Rappresentante Peroni TOP10 – da nominare a cura delle Società del massimo campionato


L’ITALIA U18 BATTE 27-17 L’INGHILTERRA U18 A STREET

Street (Inghilterra) – Con una grande prestazione corale l’Italia U18 supera 27-17 i pari età inglesi sul campo della Millfield School, Inghilterra. Gara che viene sbloccata dopo pochi secondi dai padroni di casa con l’Italia che pareggia al 7’ per poi ribaltare il risultato nelle battute finali del primo tempo gestendo al meglio il vantaggio nella ripresa.

Inizia in salita la partita degli Azzurrini con l’Inghilterra che sblocca il risultato al primo minuto di gioco con una meta di Gilderson trasformata da Harris. La reazione dell’Italia non si fa attendere e pochi istanti più tardi arriva il pareggio con la meta di Quattrini trasformata da Sante. Entrambe le squadre hanno l’opportunità di riportarsi in vantaggio con entrambi i mediani di apertura che non centrano i pali su calcio piazzato, complice anche il forte vento presente. Il XV di Santamaria riesce a imporre il proprio gioco e sul finale della prima frazione va a segno due volte con Tani prima – con Sante che non trasforma – e Gesi poi con il numero 10 azzurro che trova i pali sulla seguente trasformazione che vale il 10-19 all’intervallo.

Nella ripresa girandola di cambi che coinvolge entrambe le squadre e un botta e risposta su calcio piazzato tra il neo entrato Worsley e Sante che mantiene inalterate le distanze nel tabellino spostando il parziale sul 10-22. Il buon momento degli Azzurrini prosegue e al 50’ arriva la quarta meta con Bernardinello. Nel finale di gara i padroni di casa riescono ad accorciare le distanze con la meta di Gilderson – trasformata da Worsley – che vale il definitivo 17-17.

“Quella di oggi è stata una giornata positiva sotto vari punti di vista. Abbiamo fornito una grande prestazione con tanti spunti interessanti. Abbiamo iniziato a lavorare con questo gruppo non molto tempo fa e con una grande etica del lavoro mostrata in queste settimane è arrivato un risultato importantissimo. L’impegno dei ragazzi e di tutto lo staff è stato encomiabile. Abbiamo espresso una performance di alto livello grazie anche al grande lavoro fatto in preparazione di questa partita. Siamo felici del risultato ottenuto che ci indica che questa è la strada giusta da seguire” ha dichiarato Roberto Santamaria al termine della partita.

Street, Millfield School – 22 agosto 2021 – ore 16 locali (17 ITA)

Inghilterra U18 v Italia U18 (7-19) 17-27

Marcatori: p.t. 1’ m. Gilderson tr. Harris (7-0); 7’ m. Quattrini tr. Sante (7-7); 34’ m. Tani (7-12); 38’ m. Gesi tr. Sante (7-19); s.t. 42’ c.p. Worsley (10-19); 44’ c.p. Sante (10-22); 50’ m. Bernardinello (10-27); 69’ m. Gilderson tr. Worsley (17-27)

Inghilterra U18: Gilderson; Metcalfe, Elliott, Woodward, Glister; Harris, Allan; Carr, Gaffan, Michelow; Browne, Cuckson; Tarr, Wright, Chapman

A disposizione: Barraclough, Fasogbon, Bell, Causey, Carnduff, Green, Douglas, Worsley, Meredith, Kolade

All. Pendlebury

Italia U18: Gesi; Tani, Mey (cap) (66’ Zulian), Bozzo (66’ Nanni), Sodo (58’ Bruniera); Sante, Battara (38’ Bozzoni); Odiase, Esposito (38’ Mattioli), Rubinato (62’ Scattolin); Berlese (44’ Lavorenti), Filoni (57’ Turrisi); Bernardinello (58’ Corcelli), Quattrini (53’ Calabrò), Moscioni (49’ Bartolini)

A disposizione: Calabrò, Bartolini, Corcelli, Turrisi, Mattioli, Bozzoni, Bruniera, Scattolin, Lavorenti, Nanni, Zulian.

All. Santamaria

Arb. Stephen Allsop (WRU)

Calciatori: Harris (Inghilterra U18) 1/2; Sante (Italia U18) 3/6; Worsley (Inghilterra U18) 2/2


A MONIGO NELLA PRIMA AMICHEVOLE I LEONI CEDONO 19-28 A SALE

Marcature: 4′ meta Lucchesi tr. Albornoz, 22′ meta Hammersley tr. Wilkinson, 34′ meta Lamaro, 40′ meta Quirke tr. Wilkinson; 70′ meta Neild tr. Wilkinson, 80′ meta Langdon tr. Curtis, 94′ meta Nicotera tr. Marin.

Note: 85′ cartellino giallo a Filippo Drago (BEN). Trasformazioni: Benetton Rugby 2/3 (Albornoz 1/2, Marin 1/1); Sale Sharks 4/4 (Wilkinson 3/3, Curtis 1/1).

FORMAZIONE BENETTON RUGBY:

15 Andries Coetzee, 14 Luca Sperandio, 13 Marco Zanon, 12 Joaquin Riera, 11 Monty Ioane, 10 Tomas Albornoz, 9 Callum Braley, 8 Lorenzo Cannone, 7 Michele Lamaro (c), 6 Sebastian Negri, 5 Federico Ruzza, 4 Niccolò Cannone, 3 Tiziano Pasquali, 2 Gianmarco Lucchesi, 1 Federico Zani.

Entrati: Filippo Alongi, Tommaso Benvenuti, Giacomo Da Re, Filippo Drago, Matteo Drudi, Dewaldt Duvenage, Corniel Els, Riccardo Favretto, Alessandro Garbisi, Marco Lazzaroni, Leonardo Marin, Matteo Meggiato, Tommaso Menoncello, Giacomo Nicotera, Edoardo Padovani, Luca Petrozzi, Giovanni Pettinelli, Nicola Piantella, Rhyno Smith, Ratuva Tavuyara, Carl Wegner, Manuel Zuliani.

Head coach: Marco Bortolami

FORMAZIONE SALE SHARKS:

15 Simon Hammersley, 14 Byron McGuigan, 13 Sam James, 12 Sam Hill, 11 Marland Yarde, 10 Kieran Wilkinson, 9 Raffi Quirke, 8 Jono Ross, 7 Sam Dugdale, 6 Ben Curry, 5 Jp Du Preez, 4 Cobus Wiese, 3 Nick Schonert, 2 Akker Van Der Merwe, 1 Bevan Rodd.

Entrati: Arron Reed, Connor Doherty, Denny Solomona, Joe Carpenter, Luke James, Manu Tuilagi, Nye Thomas, Rohan Rensburg, Tom Curtis, Tom Roebuck, Will Cliff, Cal Ford, Curtis Langdon, Cameron Neild, Ewan Ashman, James Phillips, Rouban Birch, Ross Harrison, Simon McIntyre, Tommy Taylor.

Head coach: Paul Deacon.

In seguito a sette settimane di prestagione a La Ghirada e l’ultima settimana di ritiro a Calalzo di Cadore, il Benetton Rugby torna in campo per la prima amichevole dell’annata 2021/2022. I Leoni quindi ritornano a disputare un match dopo aver vinto la Rainbow Cup il 19 giugno scorso. I biancoverdi attendono a Monigo i Sale Sharks. Un test di assoluto prestigio per la franchigia trevigiana che ospita la squadra di Manchester della Premiership. E’ inoltre la prima partita dei Leoni guidati dal nuovo head coach Marco Bortolami, e dal rinnovato staff tecnico. Per la prima uscita prestagionale Bortolami e il suo staff hanno scelto di dare spazio a tutti i giocatori disponibili attualmente, considerando anche i vari permit player, consci del fatto che il test con Sale è durato due tempi da 50 minuti, proprio per far tornare a respirare l’aria del campo a tutti.

LA CRONACA

In generale il Benetton ha dato vita ad una prova di buon livello nella prima frazione, mentre nella ripresa è stata vittima della poca disciplina.

Nella prima lunga frazione i padroni di casa vanno subito in meta: da una mischia i Leoni guadagnano un’ottima punizione, Albornoz decide di andare in touche dentro i 22 degli inglesi. Così al 4′, dalla rimessa nasce un maul dirompente e Gianmarco Lucchesi, nel giorno del suo compleanno, dirige il carrettino e schiaccia la prima meta della serata. Il 10 argentino dei Leoni concretizza per il 7-0 casalingo. Gli uomini di Marco Bortolami continuano a macinare gioco, spinti da un Lucchesi in gran forma. Sale però trova la forza di reagire, ma non riesce a capitalizzare a causa di una cattiva precisione dalla rimessa laterale nei 22 trevigiani. Finché al 22′ gli Sharks rimettono le cose in pari. Da un calcio lungo gli ospiti sono più reattivi, Curry si invola e serve Hammersley che sigla la prima marcatura di Sale. Wilkinson trasforma. Al 25′ c’è il primo long break della gara. I Leoni sono abili a difendersi e risalgono il campo grazie ai calci di Coetzee e di Albornoz. Al 35′ c’è un’altra touche nei 5 degli inglesi. La rimessa è ottima, l’ovale arriva a Lorenzo Cannone che con un timing perfetto trova la corsa di Michele Lamaro che alla prima da capitano fissa la meta; Albornoz questa volta non converte dalla piazzola. Al 40′ Sale però va per la prima volta in vantaggio. In mischia sui cinque metri del Benetton, la palla esce veloce e sul ribaltamento di lato Quirke è il più lesto a varcare la linea di meta, con Wilkinson che piazza per il 12-14 degli inglesi. A pochi secondi dal 50′ i Leoni vanno molto vicini alla meta sfruttando un gran break di Albornoz e Sperandio, ma si fermano a pochi metri dalla terza meta per un in avanti. Si va quindi negli spogliatoi col punteggio di 12-14 per gli Sharks.

All’inizio del secondo tempo le squadre sono rivoluzionate, con ambo gli allenatori che propongono tutte le forze fresche disponibili dalla panchina. Non succedono troppe cose rilevanti nei primi quindici minuti della ripresa. C’è da segnalare l’infortunio occorso a Drudi, per cui si assiste a delle mischie no contest per l’assenza di un pilone tra le fila trevigiana, infatti Drudi è sostituito da Nicotera. Ma al 70′ c’è la terza meta degli Sharks, che sfruttano una distrazione dei padroni di casa, battono una rimessa veloce e Neild porta i suoi sul +7, poi la trasformazione di Wilkinson fa andare gli ospiti sul 12-21. I Leoni ora sono meno disciplinati e compiono alcuni falli di troppo. Gli ospiti ora sono più in palla e all’80’ marcano ancora grazie a Curtis Langdon e Tom Curtis ingrassa dalla piazzola. A quindici dal termine poi Drago è ammonito per placcaggio pericoloso. Ma i Leoni in inferiorità numerica non mollano e scrivono la terza meta della serata grazie ad un debordante rolling maul guidato da Giacomo Nicotera. Marin è puntuale e trasforma il 19-28, il risultato con cui termina il match.

LA DIREZIONE ARBITRALE

Arbitro: Gianluca Gnecchi.

Assistenti: Numero 1 Filippo Russo, numero 2 Alex Frasson.


MARCO BORTOLAMI: “CON SALE MOLTI ASPETTI POSITIVI IN OTTICA FUTURA”

Il Benetton Rugby ieri sera ha disputato la prima amichevole di precampionato, ospitando a Monigo i Sale Sharks e cedendo per 19-28. Marco Bortolami, head coach dei Leoni, analizza il primo match del nuovo corso dei biancoverdi.

Marco, che partita è stata?
“E’ stata una partita molto fisica, come ci aspettavamo, e credo che la squadra da questo punto di vista abbia risposto bene. Abbiamo tenuto testa a Sale, che è una delle squadre migliori d’Europa in questo aspetto. I punti d’incontro sono andati molto bene, soprattutto quelli difensivi. Alcune cose sono da migliorare, la disciplina ci ha messo un po’ sotto pressione; tutte cose che possiamo controllare, possiamo lavorare per migliorare questi aspetti”.

Sei soddisfatto della risposta avuta dai ragazzi alla prima amichevole?
“Sono molto soddisfatto della prova dei ragazzi, dell’impegno, del desiderio e soprattutto del cuore che ci hanno messo in campo perché non hanno mai mollato sino alla fine. Siamo stati vicini al punteggio con Sale. Secondo me, sistemando alcune cose, ce la possiamo giocare alla pari anche con queste squadre che puntano a vincere il loro campionato e le coppe europee. Per cui la prima prova è estremamente positiva, è solo un piccolo passo nella nostra avventura. La settimana prossima mi aspetto che miglioriamo negli aspetti di organizzazione in cui siamo mancati con Sale”.

Puoi soffermarti sugli aspetti positivi e negativi che hai rilevato nel primo match?
“Gli aspetti da migliorare sono sicuramente le uscite dal nostro campo, giochiamo troppe fasi e in alcuni momenti, soprattutto sui turnovers, siamo un po’ troppo frenetici per cui dobbiamo proteggerci un po’ di più. Detto questo la maul ha funzionato sia in attacco che in difesa, sapevamo che era il punto forte di Sale per cui ci siamo fatti trovare pronti. E’ uno degli aspetti più positivi e credo che possa essere una buona piattaforma per costruire tutto il nostro sistema di attacco”.

Quanto è stato bello tornare a giocare di fronte ai tifosi?
“E’ stato molto bello tornare a Monigo con i tifosi. C’era un buon numero di spettatori, ci hanno sostenuto e penso si siano divertiti, ma soprattutto abbiano apprezzato la passione con cui la squadra è scesa in campo. Vogliamo trasmettere emozioni ai nostri tifosi e penso che con Sale, nonostante il risultato non ci piaccia perché è una parte che ci lascia un po’ di amaro in bocca, credo che abbiamo trasmesso buone sensazioni per il futuro”.


ANNUNCIATO IL CALENDARIO DELLA CHALLENGE CUP 2021/2022: I LEONI SONO NELLA POOL B

E’ stato annunciato oggi dall’European Professional Club Rugby, organizzatore dei tornei europei, il calendario della Challenge Cup a cui parteciperanno i Leoni.

Per l’edizione 2021/2022 della competizione il format è rivisto e ci saranno 15 club che competeranno in tre pool da cinque squadre.

Clicca qui per il calendario completo della Challenge Cup 2021/2022: https://www.epcrugby.com/challenge-cup/matches/fixtures-and-results/

Il Benetton Rugby è inserito nel girone B con gli inglesi di Gloucester, i gallesi dei Dragons, i francesi di Perpignan e di Lione.

Le 15 formazioni della Challenge Cup sono quindi distribuiti in tre pool da cinque squadre in base al ranking internazionale dell’ultima stagione e durante il girone saranno giocate cinque giornate, iniziando dal weekend del 10/11/12 dicembre e finendo il pool con la giornata dell’8/9/10 aprile 2022. Ogni club durante il girone giocherà contro ognuno dei quattro avversari una volta (due gare in casa e due in trasferta), osservando un turno di riposo per una giornata.

IL CALENDARIO DEL BENETTON RUGBY:

Round 1 (10/11/12 dicembre): riposo

Round 2 (17/18/19 dicembre): Gloucester Rugby vs Benetton Rugby

Round 3 (14/15/16 gennaio): Benetton Rugby vs Dragons

Round 4 (21/22/23 gennaio): Lione vs Benetton Rugby

Round 5 (8/9/10 aprile): Benetton Rugby vs Perpignan

Le prime tre squadre di ogni pool (A-B-C), più la migliore formazione piazzatasi quarta fra tutti e tre i gironi, insieme ai club classificati dal nono all’undicesimo posto nei due pool della Heineken Champions Cup, si qualificheranno per gli ottavi di finale.

La fase eliminatoria consiste in: ottavi di finale (15/16/17 aprile), quarti di finale (6/7/8 maggio), semifinale (13/14/15 maggio) – tutti giocati in unico turno – e la finalissima del Velodrome di Marsiglia prevista il 27 maggio 2022.

Le date esatte dei calendari di ogni pool, così come l’orario del kick-off e la copertura televisiva, saranno annunciate il più presto possibile, in seguito alle riunioni con i club e i broadcaster partner di EPCR.

POOL CHALLENGE CUP 2021/22:

Pool A: RC Toulon, Newcastle Falcons, Zebre Rugby Club, Worcester Warriors, Biarritz.

Pool B: Benetton Rugby, Lyon, USAP, Dragons, Gloucester Rugby.

Pool C: London Irish, Edinburgh Rugby, CA Brive, Section Paloise, Saracens

FORMAT OTTAVI DI FINALE:

Chi si qualifica dalla Challenge Cup qualifiers giocherà in casa e gli accoppiamenti seguiranno quest’ordine:

Match 1: Challenge Cup ranked 1 v Challenge Cup ranked 10

Match 2: Challenge Cup ranked 2 v Challenge Cup ranked 9

Match 3: Challenge Cup ranked 3 v Heineken Champions Cup ranked 6

Match 4: Challenge Cup ranked 4 v Heineken Champions Cup ranked 5

Match 5: Challenge Cup ranked ranked 8 v Heineken Champions Cup ranked 1

Match 6: Challenge Cup ranked ranked 7 v Heineken Champions Cup ranked 2

Match 7: Challenge Cup ranked ranked 6 v Heineken Champions Cup ranked 3

Match 8: Challenge Cup ranked ranked 5 v Heineken Champions Cup ranked 4

FORMAT QUARTI DI FINALE

Il vantaggio casalingo è da confermare:

QF 1: winner Match 1 v winner Match 8

QF 2: winner Match 4 v winner Match 5

QF 3: winner Match 2 v winner Match 7

QF 4: winner Match 3 v winner Match 6

FORMAT SEMIFINALE

Il vantaggio casalingo è da confermare:

SF 1: winner QF 1 v winner QF 4

SF 2: winner QF 2 v winner QF 3

FINALE

La finale della Challenge Cup 2021/2022 si giocherà a Marsiglia il 27 maggio.

Per non perderti nessuna notizia in arrivo dal pianeta biancoverde, iscriviti al canale Telegram del Benetton Rugby!


ANDRIES COETZEE: “ENTUSIASTA DI GIOCARE IN UN CLUB COME IL BENETTON RUGBY”

E’ arrivato da pochi giorni e ha svolto i primi allenamenti con i nuovi compagni biancoverdi. Il sudafricano Andries Coetzee è uno dei nuovi arrivi dal mercato per il Benetton Rugby e si è presentato ai microfoni di BENTV.

Andries, come stanno andando i primi giorni a Treviso?
“Inizialmente ho dovuto osservare il periodo di isolamento con la mia famiglia, ma ora non siamo più in quarantena e questi primi giorni sono molto belli, le persone sono molto amichevoli e ci fanno sentire come fossimo a casa, la città è bella, nonostante faccia molto caldo, credo però che farà più fresco. I compagni di squadra sono davvero bravi e non vedo l’ora di cominciare a giocare”.

Cosa ti ha spinto a scegliere di arrivare in Benetton Rugby?
“Ho sempre pensato di voler giocare in Europa, negli ultimi anni la crescita del Benetton Rugby mi ha affascinato, e ho colto l’opportunità di venire in Italia, per giocare in una grandissima competizione e per mettermi in gioco contro alcuni dei migliori giocatori al mondo. Penso che lo United Rugby Championship sia uno dei campionati più belli, perciò sono qui al Benetton Rugby soprattutto per sfidare me stesso ed essere parte di questo fantastico club”.

Conosci già qualche giocatore del Benetton Rugby?
“Non avevo incontrato prima nessun giocatore, eccetto un paio di ragazzi sudafricani, ma sto conoscendo tutti i giocatori e come detto prima tutti sono amichevoli e mi stanno aiutando ad ambientarmi. Inoltre ho ammirato alcuni ragazzi in televisione e qui trovo un gruppo di giocatori davvero talentuoso”.

Hai giocato negli Springboks e hai militato con i Lions. Ora militerai nel nuovo United Rugby Championship, con l’ingresso dei quattro team sudafricani. Cosa pensi della nuova competizione?
“Penso che lo United Rugby Championship sarà un grandissimo campionato, specialmente con il ritorno dei tifosi allo stadio che renderà le partite tra squadre europee e sudafricane ancora più affascinanti. Poi per noi giocare contro i team sudafricani sarà una grande sfida, così lo sarà anche per loro. Sarà un torneo molto emozionante, sono carico nel giocare questo tipo di competizione”.

Puoi descriverti come giocatore?
“Sono cresciuto giocando a rugby come numero 10, ho fatto il mio debutto in prima squadra da mediano d’apertura. Poi nella mia carriera ho giocato ai Lions nove anni come estremo, posso dire di essermi abituato a giocare come estremo, ma mi piace anche essere numero 10”.

Vuoi mandare un saluto ai tifosi biancoverdi?
“Cari tifosi del Benetton Rugby, è un onore essere qui e non vedo l’ora di conoscervi. Durante la stagione avremo bisogno del vostro supporto e proveremo a rendervi onore, credo che sarà un’annata in cui potremo toglierci molte soddisfazioni insieme”.


SVELATI I GIRONI E GLI AVVERSARI DELLE ZEBRE NELLA CHALLENGE CUP 2021/22

SVELATI I GIRONI E GLI AVVERSARI DELLE ZEBRE RUGBY NELLA CHALLENGE CUP 2021/22

BISEGNI E COMPAGNI SONO STATI INSERITI NEL GIRONE A IN COMPAGNIA DEI FRANCESI DI TOLONE E BIARRITZ E DEGLI INGLESI NEWCASTLE FALCONE E WORCESTER WARRIORS

Parma, 10 settembre 2021 – Questo pomeriggio il comitato organizzatore dell’EPCR ha annunciato la composizione dei gironi e i fine settimana di gioco della Challenge Cup 2021/22.

Parteciperanno a quest’edizione di coppa un totale di 15 squadre, distribuite in tre gironi da cinque. I 15 club provengono dal prestigioso campionato internazionale United Rugby Championship, dalla massima divisione transalpina TOP 14 e dalla massima competizione inglese Gallagher Premiership.

Le Zebre Rugby sono state inserite nel girone A della Challenge Cup in compagnia dei francesi del Tolone e del Biarritz Olympique e degli inglesi Newcastle Falcons e Worcester Warriors.

Di seguito i tre gironi della Challenge Cup 2021/22:

Girone A

RC Toulon (FRA), Newcastle Falcons (ENG), Zebre Rugby Club (ITA), Worcester Warriors (ENG), Biarritz Olympique (FRA)

Girone B

Dragons (WAL), Lyon (FRA), Gloucester Rugby (ENG), Benetton Rugby (ITA), USAP (FRA)

Girone C

London Irish (ENG), Edinburgh Rugby (SCO), CA Brive (FRA), Section Paloise (FRA), Saracens (ENG)

Cinque i turni che accompagneranno gli atleti della franchigia federale nella fase preliminare di coppa, con due sfide in casa, due in trasferta ed una giornata di riposo.

I multicolor apriranno il loro cammino il fine settimana dell’11 dicembre ospitando in casa Biarritz, squadra già affrontata in Heineken Cup in due occasioni nella lontana stagione 2012/13 nel primo anno di storia del club.

Il weekend successivo Bisegni e compagni saranno di scena a Tolone per una prima assoluta contro i tre volte finalisti della Challenge Cup.

Le Zebre Rugby saranno a riposo nel 3° turno di coppa, in programma il fine settimana del 15 gennaio 2022, ma giocheranno la settimana seguente al Lanfranchi contro i Worcester Warriors, avversari sconfitti nei due unici precedenti disputati nell’edizione 2015/16.

Il weekend del 9 aprile 2022 il XV di coach Bradley scenderà in campo per la 5° ed ultima giornata della fase a gironi. Avversari di giornata saranno i Newcastle Falcons, compagine anch’essa mai affrontata nella storia del club con sede a Parma.

I playoff di Challenge Cup cominceranno il fine settimana del 16 aprile con gli ottavi di finale ad eliminazione diretta. Accederanno alla fase finale un totale di 16 squadre: le prime tre classificate di ogni girone, la miglior quarta qualificata e i tre club classificati tra il 9° e l’11° posto dei due gironi di Champions Cup.

Nelle prossime settimane il comitato organizzatore dell’EPCR renderà noti date e orari dei cinque turni della fase a gironi, oltre che le emittenti televisive che trasmetteranno quest’anno la Challenge Cup.

Anche per quest’anno, il broadcaster italiano delle gare italiane di coppa prodotte sarà Sky Italia.

Di seguito il calendario delle Zebre Rugby nella Challenge Cup 2021/22:

  •         10/11/12 dicembre 2021, Stadio Lanfranchi di Parma – Zebre Rugby Club vs Biarritz Olympique
  •         17/18/19 dicembre 2021, Stade Mayol di Tolone – RC Toulon vs Zebre Rugby Club
  •         14/15/16 gennaio 2022 – turno di riposo
  •         21/22/23 gennaio 2022 – Stadio Lanfranchi di Parma – Zebre Rugby Club vs Worcester Warriors
  •         8/9/10 aprile 2022 – Kingston Park di Newcastle – Newcastle Falcons vs Zebre Rugby Club
  •         6/7/8 maggio 2022 – Quarti di finale
  •         13/14/15 maggio 2022 – Semifinali
  •         Venerdì 27 maggio 2022, Stade Vélodrome di Marsiglia – Finale

WELLINGTON, NEW ZEALAND – MARCH 29: Liam Mitchell of the Hurricanes in action during the round seven Super Rugby match between the Hurricanes and the Crusaders at Westpac Stadium on March 29, 2019 in Wellington, New Zealand. (Photo by Masanori Udagawa/Getty Images)

IL SECONDA LINEA DEGLI HURRICANES LIAM MITCHELL FIRMA CON LE ZEBRE RUGBY

Parma, 9 settembre 2021 – Le Zebre Rugby aggiungono esperienza, fisicità e talento nel reparto di seconda linea, assicurandosi per le stagioni 2021/22 e 2022/23 il n° 5 Liam Mitchell, in forza dal 2018 al 2021 negli Hurricanes, una delle cinque massime franchigie neozelandesi.

Nato a Palmerston North il 10 ottobre del 1995, Mitchell è cresciuto nel college della sua città natale, il Palmerston North Boys’ High School, dando al contempo il suo contributo all’attività agricola di famiglia. L’esperienza in fattoria ha rafforzato la tempra, l’etica e la dedizione al lavoro di Liam che spicca come un grande interprete del ruolo della seconda linea moderna. Fisicità, intelligenza, mobilità ed una sapiente lettura del gioco aereo sono infatti i punti di forza del 25enne, in procinto di raggiungere Parma e la sua nuova squadra delle Zebre Rugby nel mese di novembre.

Dopo una breve esperienza nel 2016 coi catalani dell’UE Santboiana nella massima divisione spagnola, Mitchell è rientrato nel suo Paese dove ha debuttato nel 2017 nel principale campionato nazionale provinciale Bunnings NPC con Manawatu.

La stagione d’esordio coi Turbos ha consacrato il giovane seconda linea che nel 2018 ha firmato un contratto triennale con gli Hurricanes per giocare in Super Rugby.

23 le presenze nel prestigioso torneo dell’emisfero australe collezionate dal neo-seconda linea delle Zebre Rugby che insegue adesso il suo debutto ufficiale nello United Rugby Championship e nell’EPCR Challenge Cup.

Le dichiarazioni di Liam Mitchell, neo-seconda linea delle Zebre Rugby: “Sono grato dell’opportunità offertami dalle Zebre Rugby ed entusiasta all’idea di mettermi alla prova nello United Rugby Championship contro alcune delle migliori squadre al mondo. Non vedo l’ora di raggiungere Parma, incontrare i miei nuovi compagni di squadra ed intraprendere con loro una stagione ricca di soddisfazioni”.


La scheda di Liam Mitchell, neo-seconda linea delle Zebre Rugby:

Nome: Liam

Cognome: Mitchell

Nato a: Palmerston North (NZL)

Il: 10/10/1995

Altezza: 200 cm

Peso: 116 kg

Ruolo: seconda linea

Honours: 

Caps: 0

Presenze nello United Rugby Championship: 0

Presenze in EPCR Champions Cup: 0

Presenze in EPCR Challenge Cup: 0

Club precedenti: Hurricanes (NZL), Manawatu Turbos (NZL), UE Santboiana (ESP)

Instagram: @li4mmitchell


DUNEDIN, NEW ZEALAND – MAY 14: Tim O’Malley of the Highlanders looks on during the round one Super Rugby Trans-Tasman match between the Highlanders and the Queensland Reds at Forsyth Barr Stadium on May 14, 2021 in Dunedin, New Zealand. (Photo by Joe Allison/Getty Images)

LE ZEBRE RUGBY SI ASSICURANO IL TALENTO DEL DUTTILE TREQUARTI NEOZELANDESE TIMOTHY O’MALLEY

Parma, 8 settembre 2021 – Il reparto dei trequarti delle Zebre Rugby si rinforza con l’ingresso dell’utility back neozelandese Timothy Paul O’Malley, mediano d’apertura che all’occorrenza può essere schierato come centro, vincitore nel 2020 e nel 2019 del massimo campionato nazionale provinciale Bunnings NPC con i Tasman Mako.

Il 27enne originario di Paerau indosserà la maglia multicolor per le stagioni 2021/22 e 2022/23 ed è atteso a Parma nel mese di novembre, a conclusione della prestigiosa competizione neozelandese che lo vede protagonista con la franchigia con sede a Nelson.

Le dichiarazioni del nuovo utility back delle Zebre Rugby Timothy O’Malley: “Sono molto entusiasta all’idea di unirmi alle Zebre Rugby. Non vedo l’ora di poter contribuire alla crescita della squadra dentro e fuori dal campo!”

O’Malley è nato nella piccola città di Paerau, nella regione dell’Otago centrale, e ha svolto gli studi presso il St Kevin’s College. Nel 2012 si unisce allo storico club North Otago che partecipa al campionato nazionale di seconda divisione Heartland Championship.

L’anno seguente entra nell’Academy dei Bay of Plenty Steamers, la formazione iscritta alla massima lega neozelandese, all’epoca denominata ITM Cup. Nello stesso periodo Timothy si iscrive all’Università di Auckland, conseguendo nel 2015 il diploma di laurea in Sport e attività ricreative.

Nel 2016 si trasferisce a Picton dove assume l’incarico di addetto allo sviluppo del rugby per il club locale Waitohi e debutta nella neonata Mitre 10 Cup con i Tasman Mako.

Da allora, il centro/apertura kiwi ha collezionato più di 40 presenze con i rossblù, mettendo a segno 89 punti tra mete, trasformazioni e calci piazzati. Memorabile la vittoria dello storico primo titolo degli “squali” nell’ottobre del 2019, impresa ripetuta l’anno seguente sconfiggendo i rivali di Auckland all’Eden Park nella finalissima della massima competizione domestica.

Nel corso della sua carriera con i Tasman Mako, O’Malley ha svolto due importanti esperienze rugbistiche lontano dal proprio Paese nei periodi di fine stagione. Nel 2019 si è infatti unito agli Utah Warriors nella Major League statunitense, mentre nel 2020 ha militato nella Japan Rugby League One con i Green Rockets Tokatsu.

Fiore all’occhiello del suo percorso è stata la convocazione con gli Highlanders nel maggio del 2021. Timothy vanta infatti una presenza nel prestigioso torneo dell’emisfero australe Super Rugby Trans-Tasman, avendo indossato i colori di una delle cinque massime franchigie neozelandesi nella gara del Forsyth Barr Stadium di Dunedin contro gli Australiani Queensland Reds.


La scheda di Timothy O’Malley:

Nome: Timothy Paul

Cognome: O’Malley

Nato a: Paerau (NZL)

Il: 21/08/1994

Altezza: 186 cm

Peso: 96 kg

Ruolo: apertura/centro

Honours: 

Caps: 0

Presenze nello United Rugby Championship: 0

Presenze in EPCR Champions Cup: 0

Presenze in EPCR Challenge Cup: 0

Club precedenti: Tasman Mako (NZL), Highlanders (NZL), Green Rockets Tokatsu (JAP), Utah Warriors (USA), Bay of Plenty Steamers (NZL), North Otago (NZL)

Instagram: @tim_omalley65


QUATTRO METE PER LE ZEBRE CHE SUPERANO 28-19 IL PETRARCA RUGBY A PADOVA

Padova (Italia) – 3 settembre 2021
Gara amichevole

Petrarca Rugby Vs Zebre Rugby Club 19-28 (p.t. 7-14)

Marcatori: 4’ meta tecnica Petrarca Rugby (7-0), 16’ m Bigi tr Canna (7-7), 23’ m Bigi tr Canna (7-14); s.t. 47’ m Trulla tr Canna (7-21), 53’ m Trulla tr Canna (7-28), 59’ m Canali tr Ferrarin (14-28), 75’ m Makelara (19-28)

Petrarca Rugby: Lyle, Esposito, De Masi, Sgarbi, Coppo, Faiva, Panunzi, Trotta, Casolari, Nostran, Canali, Ghigo, Hasa, Cugini, Spagnolo; All. Marcato (entrati a gara in corso: Beccaris, Borean, Carnio, Tommaso Cugini, Di Bartolomeo, Fioriti, Franceschetto, Galetto, Makelara, Mancini Parri, Michieletto, Broggin, Capone, Citton, De Sanctis, Ferrarin, Scagnolari, Schiabel, Zini)

Zebre Rugby Club: Trulla, Bruno, Bisegni (Cap), Boni, Bellini, Canna, Casilio, Licata, Mbandà, Bianchi, Krumov, , Neculai, Bigi, Fischetti; All. Bradley (entrati a gara in corso: Andreani, Ceciliani, Fabiani, Giammarioli, Leavasa, Lovotti, Nocera, Tuivaiti, Zambonin, Di Giulio, Fusco, Laloifi, Palazzani, Rizzi)

Arbitro: Andrea Piardi (Federazione Italiana Rugby)
Assistenti: Filippo Russo (Federazione Italiana Rugby) e Alberto Favaro (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Carlo Canna (Zebre Rugby Club) 4/4; Mattia Ferrarin (Petrarca Rugby) 1/1; Luca Zini (Petrarca Rugby) 0/1
Cartellini: 75’ cartellino giallo a Junior Laloifi (Zebre Rugby Club)

Note: Cielo parzialmente coperto. Temperatura 24°. Terreno in buone condizioni. 500 spettatori. Prima convocazione con le Zebre per Luca Andreani, Ion Neculai e Andrea Zambonin.

Cronaca: Allo Stadio Plebiscito di Padova le Zebre Rugby superano 28-19 il Petrarca Rugby nella prima sfida amichevole della stagione 2021/22. Quattro le mete per i multicolor che si mostrano padroni delle percentuali di possesso e territorio nei primi 60’ del match, soffrendo però l’aggressività e la fisicità del pacchetto di mischia dei veneti.

Calcio di inizio del match affidato al Petrarca Rugby che torna padrone del possesso nelle prime fasi di gara. I padroni di casa forzano un fallo a favore e si appoggiano in touche, trovando la meta tecnica su un ingresso irregolare dei multicolor in maul.

Il XV di coach Bradley si presenta per la prima volta in attacco intorno al 6’. Dopo aver guadagnato un paio di falli a favore, gli ospiti ripartono da una mischia nei 5 metri e sfiorano la meta a largo con Bruno. Il n° 14 viene tenuto alto in area di meta, ma Bisegni e compagni rimangono in zona rossa.

I primi punti delle Zebre arrivano al 15’ e portano il nome di Luca Bigi che punisce i ripetuti calci di punizione commessi dagli ospiti. Il tallonatore della nazionale guida fino in fondo la maul avanzante con Carlo Canna che centra i pali rettificando lo score in parità.

I primi 20’ si chiudono con la seconda marcatura dei multicolor. A segnarla è nuovamente l’ex di turno Luca Bigi che si stacca in solitaria dalla cassaforte avanzante. Canna fa 2/2 dalla piazzola e le due squadre rifiatano per il primo stop.

Nel secondo quarto gli ospiti continuano a monopolizzare possesso e territorio, complici le numerose penalità concesse dai Patavini. Bisegni e compagni fanno però fatica a trovare la via della meta dovendo fare i conti con l’aggressiva difesa del XV di coach Marcato.

Il primo tempo si chiude sull’ultimo assalto del Petrarca Rugby che, a distanza di circa 35’, torna per la seconda volta nei 5 metri offensivi. Piardi punisce un fallo di reazione dei veneti in ruck e le Zebre si salvano.

La terza meta delle Zebre arriva su un errore dei padroni di casa. De Sanctis sbaglia il calcio di liberazione dai propri 22, centrando la schiena di Trulla che è rapido a schiacciare l’ovale rimbalzante in area di meta. Canna completa il gioco da 7 punti e porta i suoi oltre il break quando siamo al 47’.

L’estremo vicentino si ripeterà al 54’ segnando la sua seconda marcatura, nata questa volta dalla bella percussione di Ion Neculai. Il giovane n° 3 rompe un paio di placcaggi, brucia 30 metri di campo e mette sul piede avanzante i suoi che fanno arrivare la palla al n° 15 della nazionale. Canna trasforma il quarto calcio consecutivo, fissando il parziale sul 7-28.

Tempo 5’ e il Petrarca Rugby accorcia le distanze col n° 5 Canali che arriva fino in fondo dopo i ripetuti raccogli-e-vai dei veneti. Ferrarin centra i pali dalla piazzola e il terzo quarto della sfida si chiude sul 14-28 per gli ospiti.

Negli ultimi 20’ della sfida i Patavini ribaltano le percentuali di possesso e territorio, mostrandosi più attenti e precisi nel loro gioco. Al 75’ le belle linee di corsa di Scagnolari trovano il placcaggio irregolare di Laloifi, costretto ad uscire per cartellino giallo.

Il XV di coach Marcato si appoggia in touche e, in situazione di superiorità numerica, va a segno con Makelara. Zini sbaglia la trasformazione e i multicolor rimangono oltre il break sul 19-28.

Scade il tempo sull’ultimo assalto dei giocatori in maglia nera che risalgono il campo fino ai 5 metri offensivi. Le Zebre forzano un tenuto-a-terra in area di meta e si aggiudicano la sfida amichevole di Padova.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 6 settembre aprendo la settimana di allenamenti in vista del primo turno dello United Rugby Championship, in programma venerdì 24 settembre allo Stadio Lanfranchi di Parma contro i Sudafricani Lions. 


COPPA ITALIA, VITTORIE ESTERNE PER CALVISANO, VALORUGBY E FIAMME ORO. DERBY VENETO AL PETRARCA

Roma – Tre vittorie esterne ed una interna nella prima giornata della Coppa Italia.

Nella prima partita di giornata alle 15 il Calvisano nel Girone 2 espugna il CPO Giulio Onesti superando la Lazio 47-22. Gara equilibrata nella prima frazione di gioco con batti e ribatti continuo con gli ospiti che riescono a condurre la partita andando all’intervallo sul 21-17 in proprio favore. Nella ripresa la squadra di Guidi riesce a gestire ed incrementare il vantaggio con i padroni di casa che riescono a conquistare un punto bonus difensivo con la meta di Ercolani.

Alle 16 nel match valido per il Girone 2 le Fiamme Oro al campo “Nelson Mandela” di San Benedetto del Tronto hanno superato 49-15 il Colorno nel “Memorial Pierluigi Camiscioni” sfruttando la precisione sui calci piazzati di Menniti-Ippolito.

Nel Girone 1 partita senza storia a Padova dove i padroni di casa del Petrarca hanno battuto 61-5 il Mogliano allo Stadio Plebiscito. Vittoria con bonus anche per il Valorugby che ha superato a domicilio i Lyons 43-19 grazie anche alla prestazione di capitan Farolini, nominato player of the match.Girone 1 Petrarca Rugby v Mogliano Rugby 1969 61-5 (5-0) Sitav Rugby Lyons v Valorugby Emilia 19-43 (0-5)   Girone 2 S.S. Lazio Rugby 1927 v Rugby Transvecta Calvisano 22-47 (1-5) HBS Colorno  v Fiamme Oro Rugby 15-49 (0-5)

La classifica

Girone 1: Petrarca Rugby e Valorugby Emilia 5; Sitav Rugby Lyons, Mogliano Rugby 1969, Rugby Viadana 1970* 0

Girone 2: Fiamme Oro Rugby e Rugby Transvecta Calvisano 5; S.S. Lazio Rugby 1927 1; HBS Colorno e Femi-CZ Rovigo 0*

*Una partita in meno

Questo il prossimo turno in programma il 18 settembre:Girone 1 Mogliano Rugby 1969 v Sitav Rugby Lyons Rugby Viadana 1970 v Petrarca Rugby Girone 2 Fiamme Oro Rugby v Femi-CZ Rovigo Rugby Transvecta Calvisano v HBS Colorno

I tabellini di giornata:

Roma, “CPO Giulio Onesti” – Sabato 11 Settembre 2021 ore 15

Coppa Italia, I giornata Girone 2
S.S. Lazio Rugby 1927 v Rugby Transvecta Calvisano 22-47 (17-21)
Marcatori: p.t. 3’ m. Luccardi tr Albanese (0-7), 13’ m. Gianni (5-7), 15’ m. Vunisa tr Albanese (5-14), 29’ m. Cozzi tr Cozzi (12-14), 39’ m. Luccardi tr Albanese (12-21), 40’ m. Montemauri (17-21) s.t. 46’ m. Luccardi tr Peruzzo (17-28), 50’ m. Ercolani (22-28), 75’ m. Vunisa tr Peruzzo (22-35), 79’ m. Morelli (22-40), 80’ m. Regonaschi tr Peruzzo (22-47)

S.S Lazio Rugby 1927: Cozzi; Pancini, Gianni, Vella; Santarelli (70’ Mattoccia); Montemauri (77’ Cruciani), Loro (cap) (70’ Cristofaro); Parlatore (76’ Ulisse); Marucchini, Ercolani; Colangeli, Cacciagrano (50’ Ferreira); Careri (55’ Paparone), Rosario (65’ Gisonni), Leiger (64’ Di Roberto)

all.De Angelis

Rugby Transvecta Calvisano: Garrido Panceyra (65’ Bozzoni); Vaccari, Bronzini, Mazza, Mastandrea (41’ Peruzzo); Albanese Ginammi (60’ Regonaschi), Consoli; Vunisa (cap), Izekor, Lewis (60’ Bernasconi); Ortis, Zanetti (51’ Van Vuren); Gavrilita (68’ Marinello), Luccardi (70’ Morelli), Brugnara (56’ Barducci)

all. Guidi

Arb.: D’Elia (Taranto)
AA1 Schipani (Benevento), AA2 Rosella (Rovigo)
Quarto Uomo: Paluzzi (Roma)
Cartellini: Al 40’ cartellino rosso a Manfredi Albanese (Rugby Transvecta Calvisano)

Calciatori: Manfredi Albanese (Rugby Transvecta Calvisano) 3/3, Francesco Cozzi S.S. Lazio Rugby 1927 (S.S. Lazio Rugby 1927) 1/4, Michele Peruzzo (Rugby Transvecta Calvisano) 3/4

Note: giornata soleggiata a Roma.

Punti conquistati in classifica: S.S. Lazio Rugby 1927 1, Rugby Transvecta Calvisano 5

Player of the Match: Matteo Luccardi (Transvecta Rugby Calvisano)


San Benedetto del Tronto, Campo Nelson Mandela – Sabato 11 Settembre 2021 ore 16

Coppa Italia, I giornata Girone 2

HBS Colorno v Fiamme Oro Rugby 15-49 (8-21)

Marcatorip.t. 3’ cp. Menniti-Ippolito (0-3); 9’ m. Pavese (5-3); 13’ cp. Van Tonder (8-3); 15’ cp. Menniti-Ippolito (8-6); 18’ cp. Menniti-Ippolito (8-9); 25’ m. Bianchi tr. Menniti-Ippolito (8-16); 39’ m. Guardiano (8-21) s.t. 48’ m. Maccari tr. Menniti-Ippolito (8-28); 53’ m. Guardiano tr. Menniti-Ippolito (8-35); 71’ m. Guardiano tr. Menniti-Ippolito (8-42); 77’ m. Van Tonder tr. Van Tonder (15-42); 80 m. Angelini tr. Menniti-Ippolito (15-49)

HBS Colorno: Van Tonder; Buondonno A. (45’ Skelton); De Santis (41’ Mey), Pavese; Gesi; Rodriguez (55’ Pasini), Del Prete; Koffi; Sapuppo (60’ Butturini), Sarto (Cap) (41’ Popescu); Rebussone (45’ – 55’ Butturini), Cicchinelli; Appiah (51’ Goegan), Elrick (38’ Ferrara), Tica (51’ Singh)

All. Umberto Casellato

Fiamme Oro Rugby: Cornelli S. (58’ Di Marco); Guardiano, Forcucci, Vaccari (58’ Angelini), Gabbianelli (75’ Piva); Menniti-Ippolito, Marinaro; Cornelli M. (68’ De Marchi); Bianchi, Chianucci; Chiappini (58’ Fragnito), D’Onofrio; Tenga (55’ Iacob), Taddia (54’ Kudin), Zago (54’ Iovenitti)

All. Pasquale Presutti

Arb. Angelucci (Livorno)

AA1 Spadoni (Padova); AA2 Merli (Ancona)

Quarto Uomo: Marrazzo (Modena)

Cartellini: al 7’ giallo a Chiappini (Fiamme Oro Rugby);

Calciatori: Van Tonder (HBS Colorno) 2/3; Menniti-Ippolito (Fiamme Oro Rugby) 8/10

Note: Soleggiato 25°,campo in ottime condizioni, 1000 spettatori presenti

Punti conquistati in classifica: HBS Colorno 0; Fiamme Oro Rugby 5

Player of the Match: Alessio Guardiano (Fiamme Oro Rugby)


Padova, Stadio del Plebiscito – Sabato 11 settembre 2021 ore 16

Coppa Italia, I giornata Girone 1

Petrarca Rugby v Rugby Mogliano 1969 61-5 (28-0)

Marcatori: p.t. 12’ m Panunzi tr Lyle (7-0), 18’ m Coppo tr Lyle (14-0), 22’ m Casolari tr Lyle (21-0), 39’ Coppo tr Lyle (28-0). S.t. 43’ m Falsaperla (28-5), 55’ m Citton tr Lyle (35-5), 64’ m Ferrarin tr Ferrarin (42-5), 66’ m Citton  (47-5), 75’ m Trotta tr Lyle (54-5), 80’ m Canali tr Lyle (61-5)

Rugby Petrarca: Lyle; Esposito (57’ Laudin De Sanctis), Scagnolari, Broggin, Coppo; Faiva (57’ Ferrarin), Panunzi (52’ Citton); Trotta, Nostran (41’ Brevigliero), Casolari; Canali, Ghigo (8’ Galetto); Pavesi (52’ Borean), Makelara (52’ Di Bartolomeo), Spagnolo (52’ Mancini Parri).

All. Marcato, Jimenez

Mogliano Rugby 1969: Fadalti; Falsaperla, Da Zilio, Cerioni (57’ Pavan), Abanga; Ormson (69’ Sante), Semenzato (69’ Fabi); Derbyshire, Finotto, Baldino (69’ Vianello); Bocchi, Sutto (49’ Zuliani); Ceccato N. (69’ Bonanni), Bonanni (49’ Notariello), Ceccato A. (49’ Ros)

All. Costanzo, Basson

Arb. Manuel Bottino (Roma)

AA1 Federico Boraso (Rovigo), AA2 Alex Frasson (Treviso)

Quarto Uomo: Simone Boaretto (Rovigo)

Cartellini: al 42’ giallo a Galetto (Petrarca Rugby)

Calciatori: Lyle (Petrarca Rugby) 7/8, Ferrarin (Petrarca Rugby) 1/1, Ormson (Mogliano Rugby 1969) 0/1

Note: giornata soleggiata, spettatori 500 circa. Punti: Petrarca – Mogliano 5-0

Punti conquistati in classifica: Petrarca Rugby 5; Mogliano Rugby 1969 0

Player of the match: Giovanni Scagnolari (Petrarca Rugby)


Piacenza, Stadio Walter Beltrametti – 11 settembre 2021 ore 16

Coppa Italia, I Giornata Girone 1

Sitav Rugby Lyons v Valorugby Emilia  17-41 (14-22)

Marcatorip.t.  10’ m Castiglioni tr Castiglioni (0-7), 13’ m Dominguez tr Castiglioni (0-14), 21’ cp Ledesma (3-14), 27 cp Ledesma (6-14), 30’ cp Castiglioni (6-17), 39’ cp Ledesma (9-17), 43’ m Luus (9-22), 48’ m Bruno (14-22) s.t.  42’ cp Ledesma (17-22), 72’ m Silva tr Castiglioni (17-29), 84’ m Silva (17-34), 90’ m Silva tr Castiglioni (17-41)

Sitav Rugby Lyons: Biffi; Boreri, Cuminetti, Conti (64’ Forte), Bruno (CAP); Ledesma (61’ Via G), Via A (vcap); Salvetti, Petillo (52’ Lekic), Bance; Portillo (41’ Moretto), Cemicetti (67’ Cissè); Salerno (41’ Scarsini), Rollero (52’ Cocchiaro, 86’ Rollero)), Acosta (41’ Cafaro)
All:
 Gonzalo Garcia

Valorugby Emilia: Farolini (CAP); Bertaccini, Majstorovic (63’ Schiabel) , Antl, Cioffi; Castiglioni, Dominguez (45’ Esteki); Amenta, Sbrocco, Mordacci (41’ Rimpelli); Dell’acqua, Gerosa (41’ Du Preez), Chistolini (41’ Randisi), Luus (61’ Silva), Sanavia (76’ Mattioli)
All: Roberto Manghi

Arb.: Andrea Piardi (Brescia)

AA1: Gabriel Chirnoaga (Verona)  AA2: Alberto Favaro (Venezia)

Quarto Uomo: Ferdindando Cusano (Vicenza)

Calciatori: Ledesma 3/4 (Sitav Rugby Lyons), Castiglioni 2/5 (Valorugby Emilia)

Note: Giornata calda e soleggiata, terreno in perfette condizioni, Un minuto di silenzio osservato in ricordo di Bruno Mozzani.

Punti conquistati in classifica:  Sitav Rugby Lyons 0 ; Valorugby Emilia 5

Player of the Match: Davide Farolini (Valorugby Emilia)


PERONI TOP10, LO STADIO “LANFRANCHI” OSPITA LA FINALE 2022

Roma – Parma e lo Stadio “Sergio Lanfranchi” sono la sede scelta dal Consiglio Federale della FIR, riunito a Roma sabato 4 settembre, per ospitare la Finale del Campionato Italiano Peroni TOP10 2021/22. 

La casa delle Zebre Rugby Club, che nella settimana del 13-25 settembre ospiterà il torneo di qualificazione europeo alla Rugby World Cup 2021 e che il 24 battezzerà il neonato United Rugby Championship con la sfida tra la franchigia federale ed i Lions sudafricani, si conferma un asset strategico per il movimento rugbistico italiano e, come tale, sede naturale della sfida che il prossimo 28 maggio assegnerà il titolo di Campione d’Italia 2022. 

Per la Città di Parma la Finale-scudetto 2022 segna il ritorno della sfida che vale il tricolore dopo il precedente del 1991 quando il “Tardini” fu teatro della storica vittoria dell’Amatori Milano sulla Benetton Treviso, un successo che riportò il titolo di Campione d’Italia nel capoluogo lombardo a quarantacinque anni dall’ultimo trionfo di quella che è, ancor oggi, la più titolata Società d’Italia.

Marzio Innocenti, Presidente della Federazione Italiana Rugby, ha commentato: “La Finale 2021 ha costituito un primo cambio di marcia per il nostro massimo campionato: una vibrante, di alto livello, vicina per qualità del gioco ai campionati dei nostri principali competitor. La strada che abbiamo intrapreso è lungo, ma è importante aver iniziato da subito a batterla, fortemente determinati, attraverso una stretta collaborazione con i nostri Club, nel rilancio del Peroni TOP10. Ridare al campionato italiano la centralità che merita nel nostro alto livello, offrire una concreta speranza ai tanti giovani che investono speranze ed ambizioni – difendendo i colori delle loro Società – per poter ambire all’azzurro sono solo alcuni degli obiettivi che abbiamo condiviso con i nostri Club, e che oggi, a pochi mesi dalla finestra internazionale d’autunno, sono una realtà concreta e non ho dubbi che già dal 2021/22 il Peroni TOP10 offrirà contenuti tecnici superiori a quelli degli anni passati.
Parma non è solo la casa della nostra Franchigia federale, ma anche un impianto di altissimo livello, come dimostra la scelta di World Rugby di utilizzarlo per le qualificazioni alla Rugby World Cup 2021, ideale per ospitare l’evento principe del nostro movimento nazionale la prossima primavera
”.


RUGBY EUROPE BEACH FINALS, ITALIA PRIMA NEL GIRONE B

Mosca – Con tre vittorie in altrettante partite la Nazionale Italiana Beach Rugby ha conquistato il primo posto nel Girone B alle Rugby Europe Beach Finals.

Match d’esordio molto combattuto per gli Azzurri che superano 6-5 la Croazia nel Girone B dopo la prima frazione che si è conclusa sul 3-3 con le mete di Lo Sasso, Di Gianmarco e Giancarlini. Nella ripresa la doppietta di Bitetti e la marcatura di Romano valgono il primo successo di giornata.

La squadra guidata da Gottardo centra il bis nella seconda partita contro la Moldavia vincendo 6-4. Prima frazione prolifica per gli Azzurri che mettono la partita nella propria direzione grazie a Lo Sasso e Brui che vanno a segno entrambi in due occasioni. Nel secondo tempo Romano e il capitano azzurro – che trova centra la tripletta personale – chiudono il match.

Terzo match in discesa per la Nazionale Italiana Beach che supera 9-0 la Bulgaria con le mete di Duca, Mazzi, Romano, Prati, Brui, Lo Sasso, Marocchi, Di Gianmarco e Bilotti conquistando il primo posto nel Girone.

Nella mattinata di domani gli Azzurri ai quarti di finale affronteranno la Turchia – quarta classificata nel Girone A – alle 12 locali (11 italiane). Tutte le partite saranno trasmesse in diretta su rugbyeurope.eu.

Questi tutti i risultati di giornata dell’Italia:

Italia v Croazia 6-5

Italia v Moldavia 6-4

Italia v Bulgaria 9-0

“L’esordio è stato ostico contro la Croazia che nel recente passato ha mostrato una crescita importante e siamo riusciti a centrare la vittoria nel finale. Contro la Moldavia abbiamo sfruttato bene le occasioni in nostro favore andando a conquistare una vittoria fondamentale in vista dell’ultimo incontro con la Bulgaria dove siamo riusciti a mostrare il nostro gioco in pieno. E’ importante aver conquistato il primo posto nel girone. Affronteremo con confidenza la fase finale del torneo” ha dichiarato Enrico Gottardo, allenatore della Nazionale Italiana Beach.


PROTOCOLLO COVID-19, AGGIORNAMENTO DEL 7 SETTEMBRE
GREEN-PASS NON NECESSARIO PER ACCESSO AGLI SPOGLIATOI

Roma – La Federazione Italiana Rugby, recepite le indicazioni del Dipartimento Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 settembre, ha pubblicato la versione aggiornata del Protocollo per l’organizzazione degli allenamenti e dell’attività agonistica nazionale.

La nuova edizione del documento, scaricabile dall’Area Settore Sanitario di federugby.it e sul portale covid-19.federugby.it, integra le disposizioni governative che consentono l’utilizzo degli spogliatoi, per le attività sportive all’aperto, senza la necessaria presenza del Green Pass. 

Scarica il Protocollo FIR aggiornato al 7 settembre 2021

Scarica la guida al Green Pass

Clicca qui per le FAQ aggiornate


DEFINITI I GIRONI 2021/22 DI SERIE A MASCHILE e FEMMINILE e SERIE B

Roma – Il Consiglio Federale, riunito sabato scorso a Roma, ha deliberato la composizione dei Gironi del Campionato Italiano di Serie A maschile e femminile e del Campionato Italiano di Serie B per la stagione sportiva 2021/22 al via per le tre competizioni nazionali il prossimo 17 ottobre.

CAMPIONATO ITALIANO SERIE A MASCHILE 2021/22

Le ventotto formazioni iscritte alla Serie A maschile sono state suddivise in tre pool: il Girone 1 e 3 è composto da nove squadre, il Girone 2 da dieci.

Di seguito la composizione dei tre gironi:

GIRONE 1
C.U.S. GENOVA ASD
SSD PRO RECCO RUGBY A.R.L.
I CENTURIONI RUGBY SSD R.L.
RUGBY PARABIAGO SSD SRL
ASD RUGBY MILANO
ASD BIELLA RUGBY CLUB
CUS TORINO ASD
VII RUGBY TORINO ASD
AMATORI RUGBY ALGHERO ASD

GIRONE 2
RUGBY UDINE UNION F.V.G. SRL
VALSUGANA RUGBY PADOVA ASD
RUGBY PETRARCA SRL S.D. (Cadetta)
ASD RUGBY PAESE
BOTTER RUGGERS TARVISIUM ASD
RUGBY CASALE ASD
RUGBY VICENZA ASD
VERONA RUGBY SRL SSD
VALPOLICELLA RUGBY 1974 ASD
BORSARI ASD AMATORI RUGBY BADIA

GIRONE 3
RUGBY NOCETO FC SOC.COOP. S.D.
ROMAGNA R.F.C. SSD A R.L.
ASD PESARO RUGBY
CAVALIERI UNION R.PRATO SESTO ARL
RUGBY PERUGIA SSD ARL
ASD CIVITAVECCHIA R. CENTUMCELLAE
UNIONE RUGBY CAPITOLINA ASD
ASD RUGBY NAPOLI AFRAGOLA
AMATORI RUGBY CATANIA SSD A.R.L.

La formula: Gare di andata e ritorno tra le componenti di ciascun girone. Le prime classificate di ciascun girone accedono ad un Girone Play-off con partite di sola andata secondo il seguente schema:

22 maggio 2022
1a Classificata Girone 1 vs 1a Classificata Girone 2 (in casa della squadra 1a Classificata Girone 1)

29 maggio 2022
Perdente Finale 1 vs 1a Classificata Girone 3 (il turno casalingo in funzione del risultato della Finale 1)

5 giugno 2022
Vincente Finale 1 vs 1a Classificata Girone 3 (il turno casalingo in funzione del risultato della Finale 1)

La squadra prima classificata è dichiarata Campione d’Italia di Serie A Maschile 2021/22 ed acquisisce il diritto di disputare la stagione 2022/23 inserita nel Peroni TOP10 2022/23.
Non è prevista retrocessione. 

Le date
Ottobre: 17, 24, 31; Novembre: 7, 21; Dicembre: 5, 12; Gennaio: 16, 23, 30; Febbraio: 20; Marzo: 6, 20, 27; Aprile: 3, 24; Maggio: 1, 8, 22 (Play Off), 29 (Play Off); Giugno: 5 (Play Off)


CAMPIONATO ITALIANO SERIE A FEMMINILE 2021/22

Sono ventisette le squadre iscritte alla massima divisione italiana femminile, suddivise in quattro gironi: il Girone 1, composto da sei squadre, è costituito su base meritocratica mentre i gironi 2, 3 e 4, rispettivamente da otto, sette e sei squadre, sono costituiti su base geografica.

Di seguito la composizione delle quattro poule.

GIRONE 1
ASD VILLORBA RUGBY
BENETTON RUGBY TREVISO SRL SSD
VALSUGANA RUGBY PADOVA ASD
CUS TORINO ASD
RUGBY COLORNO F.C. AS
UNIONE RUGBY CAPITOLINA ASD

GIRONE 2
RUGBY ROVATO ASD
RUGBY CALVISANO SSD ARL
ASD RUGBY MONZA 1949
RUGBY PARABIAGO SSD SRL
CUS MILANO RUGBY ASD
LIONS TORTONA RUGBY ASD
ASD BIELLA RUGBY CLUB
VOLVERA RUGBY ASD

GIRONE 3
RUGBY CASTEL S.PIETRO TERME ASD
FIFTEEN WILDS-ALL BLUFF R.MUTINA
ROMAGNA R.F.C. SSD A R.L.
RUGBY RIVIERA 1975 ASD
REBELS RUGBY VI.EST ASD
I PUMA BISENZIO RUGBY ASD
ASD CUS PISA

GIRONE 4
DONNE ETRUSCHE RUGBY ASD
RUGBY BELVE NEROVERDI ASD
RUGBY FRASCATI UNION SSD ARL
ALL REDS RUGBY ROMA ASD
AMAT.R.TORRE DEL GRECO SOC.COOP ARL
ASD BISCEGLIE RUGBY

La formula: Quattro gironi all’italiana con partite di andata e ritorno tra le componenti di ciascun girone. 

Terminata la stagione regolare le squadre classificatesi al 1° e 2° posto del Girone 1 accedono direttamente alle semifinali, mentre 3a e 4a classificata del Girone 1, unitamente alle due vincenti del 1° turno di barrage dei gironi territoriali (2, 3 e 4) si qualificano per il secondo turno di barrage.

I° TURNO DI BARRAGE
15 maggio 2022 (gara unica in campo neutro)
B1: 1a Classificata Girone 2-3-4 vs Migliore 2a Classificata Girone 2-3-4
B2: 1a Classificata Girone 2-3-4 vs 1a Classificata Girone 2-3-4

II° TURNO BARRAGE 
22 maggio 2022 (gara unica in campo neutro)
B3: 3a Classificata Girone 1 vs Vincente B1
B4: 4a Classificata Girone 1 vs Vincente B2

Le vincenti del II° turno di barrage accedono alla semifinali del 29 maggio che si disputano secondo il seguente schema:
1a Classificata Girone 1 vs Vincente B4 (in casa della 1a Classificata)
2a Classificata Girone 1 vs Vincente B3 (in casa 2a Classificata)

Le vincenti accedono alla Finale, in gara unica in campo neutro nel week-end del 4/5 giugno. La vincente della Finale si aggiudica il Titolo di Campione d’Italia di Serie A Femminile s.s. 2021/22.

Le date
Girone 1 Meritocratico
Ottobre: 17, 24; Novembre: 7, 14, 21; Dicembre: 5; Febbraio: 13, 20; Marzo: 6, 13
Girone 2, 3, 4
Ottobre: 17, 24; Novembre: 7, 14, 21; Dicembre: 5, 12; Gennaio: 16, 23, 30; Febbraio: 13, 20; Marzo: 6, 13; Maggio: 15 (barrage), 22 (barrage), 29 (semifinali); Giugno: 5 (finale)


CAMPIONATO ITALIANO DI SERIE B 2021/22

Le quarantasei formazioni iscritte al Campionato Italiano di Serie B 2021/22 sono suddivise in base a criterio geografico, in quattro gironi da dodici squadre (Girone 1 e 3) ed undici squadre (Girone 2 e 4).

Di seguito la composizione delle quattro poule.

GIRONE 1
PIACENZA RUGBY CLUB ASD
ASD RUGBY BERGAMO 1950
RUGBY ROVATO ASD
RUGBY FRANCIACORTA ASD
ASD RUGBY LECCO
CUS MILANO RUGBY ASD
AMATORI & UNION RUGBY MILANO SSD ARL
RUGBY SONDRIO SOC.COOP.DIL. ARL
ASD RUGBY VARESE
ASD UNIONE MONFERRATO RUGBY
IVREA RUGBY CLUB ASD
ASD AMATORI RUGBY CAPOTERRA

GIRONE 2
IMOLA RUGBY ASD
MODENA RUGBY 1965 SOC.COOP. SD
HIGHLANDERS FORMIGINE RUGBY ASD
RUGBY PARMA F.C.1931 SOC.COOP.S.D.
VALORUGBY EMILIA SSD ARL (Cadetta)
RUGBY ROMA OLIMPIC CLUB 1930 ASD
RUGBY JESI 1970 SSD ARL
FLORENTIA RUGBY ASD
LIONS AMARANTO ASD
LIVORNO RUGBY SSD S.R.L.
ASD C.U.S. SIENA

GIRONE 3
RUGBY BOLOGNA 1928 SSD S.R.L.
JUNIOR RUGBY BRESCIA ASD
RUGBY VIADANA 1970 SSD ARL (Cadetta)
C.U.S. PADOVA RUGBY ASD
VALSUGANA RUGBY PADOVA ASD (Cadetta)
PATAVIUM RUGBY UNION ASD
ASD VILLORBA RUGBY
ASD CASTELLANA RUGBY
MOGLIANO RUGBY 1969 SSD ARL (Cadetta)
RUGBY MIRANO 1957 ASD
RUGBY SAN DONA’ SSD R.L.
VERONA RUGBY SRL SSD (Cadetta)

GIRONE 4
POLISPORTIVA PAGANICA RUGBY ASD
AVEZZANO RUGBY SRL SSD
US RUGBY BENEVENTO ASD
A.P. PARTENOPE RUGBY ASD
PRIMAVERA RUGBY ASD
ARVALIA VILLA PAMPHILI ROMA ASD
FRASCATI RUGBY CLUB 2015 SSD ARL
US ROMA RUGBY SSD R.L.
ASD CUS CATANIA RUGBY
MESSINA RUGBY 2016 ASD
ASD RAGUSA RUGBY UNION

La formula: Gare di andata e ritorno tra le componenti di ciascun girone.
Terminata la stagione regolare le quattro squadre classificate al primo posto di ciascun girone acquisiscono il diritto di partecipare nella stagione 2022/23 inserite nel Campionato di Serie A.
Non è prevista retrocessione.

Le date
Ottobre: 17, 24, 31; Novembre: 7, 21; Dicembre: 5, 12; Gennaio: 16, 23, 30; Febbraio: 20; Marzo: 6, 20, 27; Aprile: 3, 10, 24; Maggio: 1, 8, 22, 29; Giugno: 5


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00