100 ANNI DI SCUOLA DI ARCHITETTURA ALLA SAPIENZA DI ROMA – Fino al 22 Marzo 2021 Facoltà di Valle Giulia – Disegno di Ludovico Quaroni del Novembre 1963 in occasione del Convegno del Roxy. Facoltà di Architettura di via Gramsci con dettagli del graffito realizzato da Renato Guttuso durante l’occupazione del 1968 (archivio fotografico Fabio Quici). Progetto di Costantino Dardi per la ristrutturazione del palazzo delle Esposizioni a Roma (1990). Photo Video Courtesy of Ufficio Stampa UC Studio. https://www.uniroma1.it

Facoltà di Architettura_sede di via Gramsci_graffito Guttuso_1968

1990_Costantino DARDI_Progetto di ristrutturazione del Palazzo delle Esposizioni

Trailer 100 Anni di ARCHITETTURA Installazione Studio Azzurro

La prima Facoltà di Architettura d’Italia, reale e sopravvissuta, iconica e ideologica nel simbolo di Valle Giulia, nella rinomata fama dei suo docenti e presidi. 100 anni è l’essere architetto rimane ancora oggi come la sua storia, di rango, di lotte tra alte importanze personali che hanno sin qui impedito di legittimare universalmente la responsabilità e l’utilità dell’architettura. La Mostra voluta dalla Facoltà di Architettura della Sapienza di Roma e realizzata con il contributo di Studio Azzurro rielabora e ricontestualizza la memoria fotografica e visiva, la storia di una delle Facoltà più vicine all’immaginario collettivo. (m.g.)

100 ANNI DI SCUOLA DI ARCHITETTURA ALLA SAPIENZA DI ROMA – Fino al 22 Marzo 2021 Facoltà di Valle Giulia – L’occupazione della Facoltà di Architettura di via Gramsci durante gli scontri del 1968. Paolo Portoghesi, professore emerito della Facoltà di Architettura della Sapienza Università di Roma. Progetto di Carlo Aymonino per la nuova ala dei Musei Capitolini a Roma (1993-2005). Disegno definitivo degli inizi degli anni Trenta del progetto di Enrico del Debbio per la sede della Scuola Superiore di Architettura di Roma. Photo Video Courtesy of Ufficio Stampa UC Studio. https://www.uniroma1.it

Battaglia Valle Giulia_occupazione Facoltà 1968

Paolo Portoghesi _1970

2005_Carlo Aymonino_Progetto Musei Capitolini

Progetto_Del-Debbio-Valle-Giulia_1930


COMUNICATO STAMPA UFFICIO STAMPA UC STUDIO


11850124_1467810053524415_1693551475_a

100 ANNI DI SCUOLA DI ARCHITETTURA ALLA SAPIENZA DI ROMA

Tra il 1919 e il 1920 nasceva a Roma la Regia Scuola Superiore di Architettura, la prima Facoltà di Architettura dItalia

Riprendono le celebrazioni per il centenario della Facoltà di Architettura alla Sapienza, in mostra fino al 22 marzo due tipi di esposizioni: una multimediale e una di materiali darchivio nella sede storica della Facoltà di Valle Giulia, che pongono l’attenzione sulla figura dell’architetto, sul suo ruolo nella società e nella cultura urbana moderna, e sulle sfide che lo attendono in una realtà radicalmente trasformata.

Cento anni fa, tra il 1919 e il 1920, negli stessi anni nei quali veniva fondato a Weimar il Bauhaus, nasceva a Roma la prima Facoltà di Architettura d’Italia, allora denominata Regia Scuola Superiore di Architettura.

«In occasione di questo anniversario, che cade in un periodo in cui l’architettura e l’università si interrogano sul loro futuro, la Facoltà di Architettura della Sapienza ha inteso ricostruire la propria storia e proiettarsi verso il domani, proponendosi come il luogo di un grande confronto nazionale e internazionale: un anniversario che non vuole essere solo una celebrazione, ma soprattutto un’occasione per guardare avanti ripensando i percorsi di formazione, l’immaginario e la responsabilità sociale dell’architetto negli anni a venire » come sottolinea Anna Maria Giovenale, Preside della Facoltà.

L’esposizione “Un viaggio tra storia, idee e protagonisti” — curata da un gruppo di docenti della facoltà con Studio Azzurro che ne ha elaborato i contenuti in un’installazione multimediale — racconta come e grazie a quali personaggi sia nata la Scuola romana, riferimento per la formazione della figura dell’architetto del ‘900 in Italia e all’estero. « Attraverso materiale d’archivio e filmati abbiamo cercato di raccontare la storia della più antica Facoltà di architettura d’Italia per mezzo di una multicolore Linea del Tempo progettata da Studio Azzurro che presenta – dall’anno della sua istituzione ad oggi – le figure, i libri, le opere e i maggiori avvenimenti, sincronicamente a confronto con gli accadimenti politici, culturali, scientifici e artistici della storia del mondo. Il pubblico scoprirà come fatti e figure apparentemente distanti tra loro siano invece coevi, come libri apparentemente antichi siano stati scritti in momenti in cui si costruivano i simboli della modernità e potrà leggere, nei punti di intersezione di questi due percorsi, eventuali allineamenti o considerevoli discontinuità. Una serie di dialoghi immaginari tra i maestri della scuola accompagneranno il visitatore in questo viaggio nel tempo. Sarà la narrazione, dichiaratamente trasversale e obliqua, di uno spazio fisico e di un progetto culturale a più livelli di percezione che guarda decisamente al futuro della nostra scuola  » spiega Alfonso Giancotti, coordinatore dei curatori della mostra.

« Il tempo scorre e le parole della “storia”, nello stendersi del loro racconto, fermano o tentano continuamente di arrestare il suo fluire. Immaginiamo che questo tentativo sia imperfetto, immaginiamo addirittura di poter seguire, superare o rincorrere e ritornare, alle origini degli eventi. Senza bloccarli, senza arrestare il loro flusso. Immaginate infine di poter fare questo, muovendovi avanti e indietro in uno spazio architettonico, definito appunto “corridoio”.

La nostra video-installazione sincronizzata, racconta questo, anche con le voci di testimoni del passato e del futuro » come spiega Leonardo Sangiorgi di studio Azzurro.

Inoltre, una selezione di inediti documenti di archivio comporrà l’anteprima di una mostra, curata da Bartolomeo Azzaro, Simona Benedetti e Filippo Lambertucci, dedicata ai progetti elaborati per le sedi della Scuola di Architettura dal 1919 al 1963, prevista nel corso del prossimo anno.


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00