FAT SHAME Lo Stigma del Corpo Grasso di AMY ERDMAN FARRELL / Edizioni TLON / In Libreria dal 4 Novembre 2020. Cover Immagini Courtesy of Ufficio Stampa Edizioni Tlon. https://tlon.it/edizioni-tlon/

FatShame_PDF-7

FatShame_PDF-18

FatShame_PDF-75

“Il termine grasso dovrebbe diventare un termine comune e liberato da connotazioni negative, non più controverso dal chiamare qualcuno alto o castano“. Fat Acceptance, Body Positivity forme di attivismo e di conoscenza che sono oggi tra i pochi strumenti di difesa per i molti che soffrono per una condizione di presunta inferiorità fisica nata nei secoli scorsi e cresciuta nel suo utilizzo di discriminazione etnica e sociale nelle società contemporanee. Il grasso come epidemia dell’obesità trattata dalle principali case farmaceutiche e dai principali mezzi di comunicazione come causa di inciviltà, una malattia. Il libro di Emy Erdman Farrell crea attraverso un lungo lavoro di ricerca e archiviazione una nuova idea di essere se stessi basata sul mai chiedere scusa per la taglia, nel non rendere magre le persone grasse ma come renderle sane. Vignette e studi sostituiscono le lunghe riflessioni personali. Lo stigma del grasso diventa lo stigma del corpo, dell’essere persona. (m.g.)

FAT SHAME Lo Stigma del Corpo Grasso di AMY ERDMAN FARRELL / Edizioni TLON / In Libreria dal 4 Novembre 2020. Cover Immagini Courtesy of Ufficio Stampa Edizioni Tlon. https://tlon.it/edizioni-tlon/

FatShame_PDF-118

FatShame_PDF-35

FatShame_PDF-55


COMUNICATO STAMPA UFFICIO STAMPA EDIZIONI TLON


Edizioni Tlon

Fat Shame: lo stigma del corpo grasso

Amy Erdman Farrell

IN LIBRERIA DAL 04 NOVEMBRE 2020

Prefazione e immagine di copertina a cura di Belle di Faccia, progetto femminista e associazione italiana per la Fat Acceptance e la Body Positivity.

I corpi, soprattutto i corpi delle donne, sono da sempre uno spazio di lotta: spesso oggetto delle pretese altrui, oggi anche i corpi più in carne rivendicano una legittimità che finora è stata loro negata. Quello sul fat shaming è un dibattito attualissimo, che vuole rimettere in discussione lo stigma ed eliminare la discriminazione. Ma perché il peso è così importante?

Amy Erdman Farrell pone la questione al centro dell’indagine che ha dato vita a Fat Shame: lo stigma del corpo grasso, che verrà pubblicato in Italia da Tlon il prossimo 4 novembre.

Si tratta del primo libro pubblicato nel nostro Paese che affronta questa forma di discriminazione da cui nessuna categoria sociale è rimasta immune: quella di Amy Erdman Farrel è un’esplorazione dei significati che assume l’essere sovrappeso nella cultura occidentale, volta a meglio coglierne le implicazioni e a contrastare gli attacchi che ne derivano.

Lo stigma culturale si nasconde spesso dietro le preoccupazioni per la salute individuale: eppure, rileva l’autrice, «le connotazioni del grasso e della persona grassa – pigra, insaziabile, avida, immorale, senza controllo, stupida, brutta e senza forza di volontà» sono ben precedenti alla scoperta dei pericoli che comporta l’obesità.

Il pregiudizio contro le persone grasse può essere brutale e diretto o sottile e sfuggente ma, nelle sue molteplici forme, contribuisce sempre a creare gerarchie sociali, intrecciandosi con la discriminazione razziale, di classe e di genere e finendo per costruire un’immagine di corpo giusto e “civile” a cui solo è riconosciuto un pieno diritto di cittadinanza.

Il body shaming è un fenomeno sul quale non si può più soprassedere, è necessario cercare linguaggi e rappresentazioni inclusivi, variegati e aperti. Con questo libro, proattivo, propositivo e accuratamente argomentato, Amy Erdman Farrell offre un importante contributo per comprendere quali siano le radici della nostra idea di grasso, come questa narrazione sia ancora oggi capace di influenzare significativamente la vita delle persone e, infine, quali siano le forme di resistenza possibili.

Un testo fondamentale per comprendere il mondo in cui viviamo, accettare chi siamo e liberare i nostri corpi.

«Proprio come sanno tutti i gruppi colpiti da stigmatizzazione, è pericoloso sfidare l’idea del ‘corpo civile’. Rifiutarsi di chiedere scusa è un passo audace»


L’AUTRICE

AMY ERDMAN FARRELL è nata a Cleveland, in Ohio. Esperta di studi culturali e femminismo, attualmente insegna Gender studies al Dickinson College di Carlisle, in Pennsylvania.


FatShame_Cover

FORMATO 12X19 / 368 PP. / 16€ 

ISBN 9788831498197


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00