SPACEFOOD di ANDREA COCO / Edizioni Tabula Fati 2020 / Copertina di Vincenzo Bosica / Nuova Edizione. Cartella Stampa Courtesy l’autore. https://www.edizionitabulafati.it/spacefood.htm

Letteratura umoristica di semplice e sorprendente comprensione. Spacefood fa riflettere e pensare, dove l’apparato fantascentifico e satirico traduce con ironia e metafora la realtà contemporanea. Le avventurose e spaziali cronache del giornalista enogastronomico Aner Sims in paradossi reali sempre più vicini, rivisti e corretti. (m.g.)


CARTELLA STAMPA SPACEFOOD / TABULA FATI


SPACEFOOD

 

Era stata una giornata bella quanto il tramonto. Nessun ristoratore aveva chiamato per lamentarsi, nessun lettore e nessun collega avevano disturbato Aner Sims con i loro consigli.

 Nulla e nessuno sembravano in grado di rompere la pace interiore che il critico enogastronomico del giornale “The Times of Hibernia” stava meritatamente assaporando. Nessuno tranne un titano, Sun il disintegratore, che indossava una corazza spaziale e aveva ben altri progetti per lui.

In men che non si dica, Aner Sims si ritroverà catapultato in una rocambolesca avventura, tra sedicenti ristoratori di un’improbabile “Taverna Galattica”, pub irlandesi dove ostili tucani non desiderano avere imbucati, e un “Ristorante che non c’è” dove tutti vogliono entrare ma non è detto che ci riescano.

Così Aner Sims, in compagnia della responsabile del Servizio di Protezione Aziendale di una multinazionale, Scilla Aliprand, innamorata di lui, e del Comandante della Flotta Spaziale, Augusto “Rock” Parboni, un amante della buona cucina con una naturale tendenza a combinare disastri, si recherà al “Ristorante ai confini della Galassia”. Un posto meraviglioso: peccato che, prima di potersi sedere a tavola, dovrà scoprire che fine ha fatto il cuoco.


Andrea Coco

SPACEFOOD

2020, Tabula Fati

Copertina di Vincenzo Bosica

[ISBN-978-88-7475-934-7]

Pag. 240 – € 14,00

https://www.edizionitabulafati.it/spacefood.htm


Spacefood copertina


Sinossi

“Spacefood” di Andrea Coco

 

Titolo: Spacefood

Autore: Andrea Coco

Lunghezza: 410.000 battute

Genere: fantascienza umoristica, umorismo

 

Struttura del romanzo

Il libro è suddiviso in tre capitoli. Una parodia di una recensione giornalistica gastronomica e due avventure, che raccontano improbabili imprese ambientate in un universo surreale, popolato da personaggi bizzarri capaci di ridere, far ridere e ridere di se stessi.

 

Trama

Aner Sims è un giornalista enogastronomico che cura la rubrica “Ristoranti Novità” per il giornale The Times of Hibernia.

 

Prima parte del libro.

“La Taverna Galattica di Mario” è un articolo che racconta la disastrosa esperienza a due (Aner Sims, giornalista gastronomico autore dell’articolo, più Net, sua fidanzata) a bordo di un satellite artificiale geostazionario, trasformato in una taverna. Tra clienti veri, finti, un ex socio del gestore che vuole vendicarsi e altre realtà cosmi-comiche, la cena di San Valentino va a farsi benedire o, meglio, finisce in tribunale, grazie all’intervento del comandante Augusto Rock Parboni, che salverà gli sfortunati clienti da un mortale attacco di un’astronave pirata.

 

Seconda parte.

“Aner Sims e il Ristorante che non c’è” narra le avventure gastronomiche del duo Aner Sims e Augusto Rock Parboni. Augustus propone ad Aner di andare a pranzare al celebre ristorante, una struttura collocata in un universo parallelo dove persone di tutte le razze e nazioni s’incontrano per mangiare e parlarsi senza farsi condizionare dalle proprie culture. Augustus vuole invitarvi una donna di cui si è innamorato ma prima vuole verificare che il posto sia all’altezza della sua fama, e per questo ha bisogno dell’aiuto di Aner. Ma per arrivarci bisogna trovare il varco, nascosto in un pub irlandese, e poi oltrepassare la porta: per farlo occorre possedere un anello. Augustus ovviamente ce l’ha, ma Aner ne è sprovvisto. Per raggiungere Parboni e non venire ucciso dovrà vincere una gara a chi racconta la storia più assurda. Una volta entrati, Sims e Parboni si troveranno di fronte a nuovi ostacoli e problemi perché, grazie a un raggiro, hanno ‘rubato’ la prenotazione ad altri clienti. Inoltre Aner, per superare l’esame d’ingresso, ha raccontato delle frottole e ora qualcuno vuole punirlo, uccidendolo. Tra complottisti, cantanti, rivali, mafiosi, e molto altro il finale non potrà che essere tumultuoso: un fuggi fuggi generale per sfuggire alla forze dell’ordine. A mettere in salvo i due provvederà un cliente del ristorante, Scilla Aliprand, che li trasporterà sul suo pianeta Oversturia, proponendo ad Aner Sims di cenare con lei nel famoso Ristorante ai confini della Galassia; ovviamente senza l’invadente presenza di Augustus, lasciato a terra, mentre i due innamorati sono diretti alla volta del ristorante che si trova sul pianetino di Znavel.

 

Terza parte.

“Chi ha rapito Apuleius?” è un giallo umoristico con un colpo di scena finale. Il celebre cuoco Apuleius ha aperto un ristorante sul Znavel, un pianetino che vive di turismo slow life, situato ai confini della Galassia. Apuleius non è ben visto dagli altri ristoratori perché, secondo loro, è fin troppo disponibile ad assecondare le richieste dei clienti. E così viene rapito, ma da chi? Il compito di scoprire toccherà ad Aner Sims e a Scilla Aliprand, coadiuvati da Augustus Rock Parboni, che è riuscito a raggiungerli su Znavel e ha convinto il sindaco della cittadina-pianeta che loro tre saranno perfettamente in grado di scoprire la verità. In un tempestoso tour eno-gastronomico Augustus, Aner e Scilla dovranno interrogare i ristoratori sospettati, tutti desiderosi di incolpare qualcun altro e, soprattutto, scoprire perché il pollo non fa parte del menù dei ristoranti di Znavel. Ma alla fine la verità verrà alla luce. Nessuno, infatti, ha rapito il celebre cuoco che, invece, assieme a un suo affezionato cliente, si trova in una bolla temporale, dove il tempo scorre più lentamente. Insomma per i due sono passate solo alcune ore, ma per gli abitanti di Znavel alcuni giorni. Chiarito il malinteso e fatta la pace tra Apicius e gli abitanti del pianetino, tutti potranno assaggiare il celebre pollo alla Apicius. Lieto fine natalizio Un oscuro personaggio vuole punire a Aner, portandogli via Scilla, ma sbaglierà obiettivo e sarà a sua volta rapito da un’altra spasimante.

 

Personaggi principali

 

Aner Sims

Giornalista enogastronomico che cura la rubrica “Ristoranti Novità” per il giornale The Times of Hibernia, la principale testata giornalistica del pianeta omonimo con sede nella capitale. Valente critico, deve difendersi dai colleghi che lo sottostimano e da Augustus, che lo tormenta con le sue trovate.

 

Comandante Augusto Rock Parboni

“Dal fiero cipiglio sul volto, in testa i capelli a spazzola color dell’argento, un incarnato rosa porcello e l’occhio azzurro limpido stralunato”, un amante della buona cucina, disposto a tutto pur di dei gustare buoni piatti, e con una naturale tendenza a combinare disastri.

 

Scilla Aliprand

Ricca possidente del pianeta di Oversturia, lavora per la sicurezza di un’importante azienda. Innamorata di Aner Sims, è tanto bella quanto intelligente e glaciale. Famosa per le sue battute caustiche, i suoi interventi si riveleranno decisivi per sbloccare alcune situazioni molto complicate.

 

Apuleius

Celebre cuoco, che in poco tempo si è conquistato l’antipatia degli altri ristoratori di Znavel, che non apprezzano la sua disponibilità, secondo loro eccessiva, ad assecondare le richieste dei clienti. Personaggio cosmopolita, è convinto che l’essere umano sia naturalmente buono.

 

Affinità, echi

Un libro che rientra nel filone della fantascienza umoristica (tipo il ciclo Guida galattica per autostoppisti di Douglas Adams o l’antologia La settima vittima di Robert Sheckley) dove è comunque presente la satira sociale e una morale, seppure secondaria rispetto all’aspetto comico-narrativo.

È inoltre un tributo all’Irlanda e dagli irlandesi.

Achille Campanile, grande scrittore italiano e il più grande umorista che l’Italia ha avuto nel corso del Novecento. Da lui e, in particolare, dai suoi tre meravigliosi libri (Agosto, moglie mia non ti conosco, Tragedie in due battute e L’Eroe) sono stati presi numerosi spunti.


Questo articolo è il frutto del lavoro dell’autore. Se vuoi aiutarlo contribuendo al mantenimento della Testata Giornalistica e alla diffusione dei suoi contenuti, fai una donazione tramite PayPal. Grazie!


Donazione libera di sostegno alla Testata Giornalistica GIORNALISTA INDIPENDENTE

GIORNALISTA INDIPENDENTE – Riproduzione Riservata – Testata Giornalistica Telematica Quotidiana N.168 del 20.10.2017. Direttore Responsabile MANUEL GIULIANO.

€1,00